Olivier Bellamy, Martha Argerich: L’enfant et les sortilèges

Ecco, finalmente, “IL” libro.

E’ stata un’attesa dovuta, per un’occasione speciale. Mai, prima d’ora, in Italia, una biografia così interessante e intrigante, corredata di cronologia, premi, galleria fotografica,

repertorio, discografia e videografia, documentari, indici dei nomi,

delle etichette, delle opere citate, dei musicisti, dei cantanti, dei cori, delle orchestre e degli ensemble che hanno collaborato con Martha Argerich.

“Genio del pianoforte”, “miracolo della natura”, “ciclone argentino”, o ancora “leonessa della tastiera”: non mancano certo le definizioni per evocare la personalità di Martha Argerich. Nata nel 1941, la leggendaria pianista argentina, applaudita sulle scene internazionali da vari decenni, affascina per la potenza delle sue esecuzioni e per il mistero della sua personalità. Il suo temperamento indomabile, il carattere libero e indipendente ne fanno un personaggio davvero atipico nel mondo della musica classica. In una narrazione costellata di aneddoti inediti e di sorprendenti rivelazioni, Olivier Bellamy dipana le fila di una vita ricca di eventi e di sviluppi imprevedibili: dall’infanzia in Argentina, quand’era bambina prodigio a Buenos Aires, passando per gli studi di perfezionamento dapprima a Vienna con Friedrich Gulda e quindi ad Arezzo e Moncalieri con Arturo Benedetti Michelangeli, per arrivare all’esplosivo debutto ad Amburgo, ai trionfi del Premio Busoni di Bolzano e del Concorso “Chopin” di Varsavia, fino agli anni più recenti, caratterizzati anche da momenti di crisi, da rinunce ai concerti e ancora da trionfali ritorni… Di città in città (Buenos Aires, Vienna, Bolzano, Amburgo, New York, Ginevra, Bruxelles, Londra, Rio de Janeiro, Mosca…), attraverso i suoi colleghi musicisti, gli amori, le amicizie, il libro delinea il ritratto intimo di un’artista dalla profonda umanità.

(Zecchini Edizioni)

Se vuoi inserire un tuo commento rispondi...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: