COSTRUIRE HIFI

Il forum italiano dell'autocostruzione Hi-Fi
Oggi è sabato 30 luglio 2016, 20:41

Tutti gli orari sono UTC+02:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 69 messaggi ]  Vai alla pagina 1 2 3 Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: giovedì 13 maggio 2010, 7:58 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30262
zalu ha scritto:
...
Sappi che lì di anodica arrivi anche nei picchi di segnale a circa 700V :!: E con quasi 5000uF di filtraggio hai da che ritrovarti stecchito in 0 sec. :!: :!: :!: :!: Occhio a quello che fai :!: :!: :!:


Spero che ti sia scappato uno zero in più sulla capacità di filtraggio ...

:wink:

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
MessaggioInviato: giovedì 13 maggio 2010, 9:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 20:02
Messaggi: 733
Località: Livigno
Per esattezza 4700uF, 10 in parallelo per canale da 470uF 500V :D

_________________
Zalu development


Top
   
MessaggioInviato: giovedì 13 maggio 2010, 11:41 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 luglio 2008, 16:45
Messaggi: 11970
zalu ha scritto:
Per esattezza 4700uF, 10 in parallelo per canale da 470uF 500V :D

Ci hai dato dentro!!! :mrgreen: alla faccia del sovradimensionamento :wink:

_________________
La sua soddisfazione è il nostro miglior premio!
(Dr. Thomas A.)


Top
   
MessaggioInviato: giovedì 13 maggio 2010, 16:56 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 20:02
Messaggi: 733
Località: Livigno
Come da progetto modificato dell'Ing. Chiappetta che ovviamente non posso pubblicare.
Ciao

_________________
Zalu development


Top
   
MessaggioInviato: giovedì 13 maggio 2010, 17:56 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30262
Dopo una pila atomica, viene sicuramente questo!

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
MessaggioInviato: venerdì 14 maggio 2010, 19:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 11 gennaio 2010, 21:04
Messaggi: 54
Località: Perugia
Dopo tanto "cosare" il mio cervellino ha scartato il triodino in quanto per il genere di musica che prediligo gli manca un po' di benzina, perché ascolto di tutto ma tendo al rock.

Zalu... :evil: .... sei un tentatore...... il monofonico che mi hai proposto mi ha messo un prurito nelle mani che non ti so spiegare.... :D

..intanto vedo quà vicino (http://oldradio.sysvar.com/) c'è una persona che ha un po' di valvole vedo cosa mi offre poi indagherò sui ferri.

Eventualmente qualcuno ha qualche dritta per recuperarli ?

Ciao

David


Top
   
MessaggioInviato: venerdì 14 maggio 2010, 20:32 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 agosto 2009, 20:10
Messaggi: 616
Località: Italia
David ha scritto:
Capisco e comprendo le vostre cautele.
Daltronde leggo chf dal numero 1 e so, anche per esperienza indiretta, che i valori di tensione presenti nei circuiti che utilizzano le valvole possono essere anche mortali


Ciao carissimo, purtroppo la sicurezza non è mai troppa, onde evitare di fulminare Goldrake; leggi attentamente i consigli degli amici del forum, comunque complimenti al tuo avatar, mi ricorda tanto i bellissimi cartoni di allora, anni in cui la creatività del DIY era alle stelle, per quanto riguarda la costruzione valvolare ti do qualche consiglio;
Quando ti proponi di costruire un amplificatore a valvole, decidi con grande calma quale configurazione utilizzare una volta che hai trovato lo schema adatto alla bisogna (lo schema di per se non garantisce il funzionamento al primo colpo); procurati con molta attenzione e attenta selezione tutti i componenti, che ti occorrono compresi lo chassis, bene il surplus, possibilmente materiale di magazzino ma buono, se nuovo è meglio, procurati eventuali fili per il cablaggio, di ottima fattura, senza esagerazioni, ricordati le minuterie, al momento del montaggio devi avere tutto a portata di mano, quando inizi il lavoro non ti prendere fretta nel volere ottenere un risultato immediato solo per auto dimostrare le tue capacità, cura invece il cablaggio, le saldature, la disposizione dei componenti etc... inoltre prima di dare tensione controlla e ricontrolla attentamente tutto il lavoro svolto, in più fasi ma ricontrolla, quando chiudi il circuito della tensione anodica non dare mai il volto all'amplificatore, l'esplosione di un elettrolitico ti potrebbe accecare, ricordati; l'alta tensione non ha amici!! se il circuito che hai appena alimentato non ti funziona al primo colpo, togli tensione e attendi che si scarichino gli elettrolitici del circuito di alimentazione, non tentare di accelerare la scarica di tali elettrolitici cortocircuitandone i terminali, queste sono solo alcune raccomandazioni in merito alla sicurezza specialmente se chi si accinge a mettere mani nell'alta tensione anodica è un principiante, spero di esserti stato utile ciao

_________________
Dal futuro ritorno al passato


Ultima modifica di frangivento il venerdì 14 maggio 2010, 20:53, modificato 1 volta in totale.

Top
   
MessaggioInviato: venerdì 14 maggio 2010, 20:44 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 luglio 2008, 16:45
Messaggi: 11970
David ha scritto:
Dopo tanto "cosare" il mio cervellino ha scartato il triodino in quanto per il genere di musica che prediligo gli manca un po' di benzina, perché ascolto di tutto ma tendo al rock.

Zalu...tu mi stai sulle balle :evil: .... sei un tentatore...... il monofonico che mi hai proposto mi ha messo un prurito nelle mani che non ti so spiegare.... :D

..intanto vedo quà vicino (http://oldradio.sysvar.com/) c'è una persona che ha un po' di valvole vedo cosa mi offre poi indagherò sui ferri.

Eventualmente qualcuno ha qualche dritta per recuperarli ?

Ciao

David


se sei un rocchettaro farti un finale a valvola non ha molto senso, hai già il gy... Piuttosto fatti un paio di casse serie!!!

_________________
La sua soddisfazione è il nostro miglior premio!
(Dr. Thomas A.)


Top
   
MessaggioInviato: venerdì 14 maggio 2010, 23:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 11 gennaio 2010, 21:04
Messaggi: 54
Località: Perugia
Sai com'è il Gy quando l'ho costruito, o meglio montato, è stato un po' come fare le parole crociate facilitate. Sbagliare il Gy secondo il mio punto di vista è impossibile perché il Bartolomeo Aloia non ti ci mette mai nelle condizioni di sbagliare.
Ora vorrei cimentarmi in qualcosa di serio, almeno per il mio livello, e sono stato sempre molto attratto dalle valvole per questo motivo sto vagliando (senza fretta) un progetto al mio livello , ma a valvole.
Non sto cercando qualcosa di migliore ma qualcosa di diverso
Le casse attaccate al GY sono le Humus progettate da Nicola Santini (CHF n°25) le già discrete dimensioni e il WAF non mi permettono altro.
Nello stesso numero un articolo splendido sulla 6C33C (o 6S33S).

Ciao :D

David


Top
   
MessaggioInviato: sabato 15 maggio 2010, 9:45 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 luglio 2008, 16:45
Messaggi: 11970
David ha scritto:
Sai com'è il Gy quando l'ho costruito, o meglio montato, è stato un po' come fare le parole crociate facilitate. Sbagliare il Gy secondo il mio punto di vista è impossibile perché il Bartolomeo Aloia non ti ci mette mai nelle condizioni di sbagliare.
Ora vorrei cimentarmi in qualcosa di serio, almeno per il mio livello, e sono stato sempre molto attratto dalle valvole per questo motivo sto vagliando (senza fretta) un progetto al mio livello , ma a valvole.
Non sto cercando qualcosa di migliore ma qualcosa di diverso
Le casse attaccate al GY sono le Humus progettate da Nicola Santini (CHF n°25) le già discrete dimensioni e il WAF non mi permettono altro.
Nello stesso numero un articolo splendido sulla 6C33C (o 6S33S).

Ciao :D

David


potresti fare un parallelo di 2 kt88, vai a farti un giro sul web di ciuffoli :idea:

_________________
La sua soddisfazione è il nostro miglior premio!
(Dr. Thomas A.)


Top
   
MessaggioInviato: sabato 15 maggio 2010, 18:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 aprile 2008, 19:06
Messaggi: 960
Località: Perugia
Se hai bisogno di potenza credo che non puoi uscire dal PP, il SE può essere potente solo se realizzato con con valvole piuttosto possenti (211, 845, 6C33B) forse l'ultima è più abbordabile come prezzo e richiede tensini anodiche più contenute delle prime due. Il SE distorce di armonica pari e il suo suono è molto eufonico, alla lunga stucca.... Con il PP riesci ad ottenere buone potenze con valvole piuttosto economiche, per quanto riguarda i ferri la oldradio che conosco benissimo (sono miei ottimi amici e hanno roba veramente molto buona) hanno dei ferri adatti per fare un PP con qualità/prezzo veramente ottime, certo, se poi vuoi fare un upgrade del progetto i trafo te li devi fare da solo come faccio io e se così fai rtiesci ad avere ottimi trafo a prezzi molto contenuti, infatti basta recuperare vecchi trasformatori che abbiano un ferro a grani orientati buono, per il resto è un calcolo e un avvolgimento. Comunque se hai bisogno di qualche dritta o di una mano, vedo che siamo tutti e due della stessa città, per cui magari mi contatti sulla PM e si può ragionare sulla realizzazione di un progetto "cotto e magnato" o di uno da sviluppare insieme e magari pubblicare anche sulla rivista. Il PP è sicuramente più economico, più potrente, meno pesante e ingombrante e soprattutto distorce meno del S.E., forse per il rock o il funky o solul e via dicendo è molto meglio. Con una spesa più contenuta si riesce a fare un ottimo ampli con una potenza che in qualche modo non richieda diffusori iperefficienti. Se vuoi ascoltare un SE da 1,5 watt te lo faccio ascoltare, il mio è realizzato con le 10Y (VT25) ed è un SE a riscaldamento diretto, l'ho ascoltatro per diverso tempo ma ora l'ho messo da una parte perchè purtroppo, come tutti i SE, soffre di eufonia...

Ciao.

_________________
Andrea Bazzucchi


Top
   
MessaggioInviato: sabato 15 maggio 2010, 22:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 11 gennaio 2010, 21:04
Messaggi: 54
Località: Perugia
Per foxmulder..........anche tu sei un bel tentatore eh? :D
Per Bazzu grazie per la disponibilità, oldradio me lo ha consigliato un ragazzo, che abita qui vicino, proprio per il rapporto qualità prezzo (per hobby costruisce e ripara ampli per strumenti) e le el34 JJ me le mette 16 euro. I ferri sono il mio problema, perché se di valvole ce ne il mondo pieno, per i ferri mi devo fidare perché ci capisco veramente poco. :oops:
Ci sentiamo in MP.

Posso solo ringraziare la vostra disponibilità

PS: Sul numero 66 di CHF consigliatomi da Zalu per il monofonico con le el34 c'è un Articolo sugli effetti della corrente sul corpo umano.......mi sa che ci devo proprio stare attento :mrgreen:

Ciao David


Top
   
MessaggioInviato: domenica 16 maggio 2010, 7:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 aprile 2008, 19:06
Messaggi: 960
Località: Perugia
Le EL34 JJ sono delle bellissime valvole, hanno la struttura interna identica alle vecchie Philips che, come risaputo, sono le migliori EL34 che siano state mai costruite (soprattutto quelle con la base metallica) il prezzo è veramente ottimo e il rapporto qualità prezzo è insuperabile. Io le ho usate in riparazioni di ampli a valvole per chitarra, non mi hanno mai dato problemi, oltretutto posso dirti che nel tempo, sempre che i bias siano fatti con criterio, mantengono molto bene le caratteristiche di accoppiamento, questo è importantissimo per gli ampli PP (prove effettuate con provavalvole). I ferri sono una cosa importantissima per il suono e la riuscita di un progetto, la loro reperibilità non è semplice e quando si costruisce qualcosa di nuovo è difficile trovare a prezzi buoni dei ferri che ti danno i risultati sperati, personalmente preferisco progettarmeli da solo e realizzarmeli, utilizzando vecchi trasformatori che si possono reperire in giro dai vari rottamari o stazioni ecologiche, smontandoli e recuperando il ferro e i rocchetti si possono realizzare cose ottime a prezzi contenuti. Se invece non vuoi imbarcarti in questa avventura allora devi fare con ciò che trovi sul mercato. I trasformatori per SE solitamente risultano sempre un po sottodimensionati in quanto non tengono conto molto della corrente continua che satura il nucleo o nelle peggiori ipotesi hanno anche una induttanza scarsa che....addio frequenze basse e linearità. Quelli da PP si difendono un pochino meglio in quanto il bilanciamento delle correnti statiche fa si che il nucleo non soffra di saturazione a cusa della presenza di CC, pertanto con un nucleo molto più piccolo si riesce ad avere una potenza di gran lunga maggiore di quella di un SE, magari l'avvolgimento sarà un poco più complesso ma alla fine la compattezza è maggiore (considera che con lo stesso ferro e lo stesso rame che ci si costruisce un trasfo SE da 10 watt ce se ne riesce a costruire uno in PP da 50 watt, grosso modo l'ordine di grandezza è questo, rimanendo sempre all'interno di ferri di qualità). Quì vicino a noi puoi trovare trasfi di uscita a prezzi abbordabili da ESCO a Todi, loro ne hanno di cinesi che non sono accissimi ma non puoi pretendere nemmeno qualcosa di superlativo, quelli di alimentazione invece vanno studiati bene e secondo me fatti in casa o fatti avvolgere su specifiche, anche perchè se riesci a fare un bel progetto e poi ti manca la giusta birra allora tutto viene vanificato.
Queste sono le cose che ti suggerisco di guardare bene nel tuo progetto, occhio anche a ferri che hanno scarsa induttanza o valori di resistenza in continua troppo alti, questo andrà a scapito della banda passante e soprattutto della resa che invece di musica diventa calore.

ciao.

_________________
Andrea Bazzucchi


Top
   
MessaggioInviato: domenica 16 maggio 2010, 17:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 11 gennaio 2010, 21:04
Messaggi: 54
Località: Perugia
Scartando la 211 e la 845 (stupende ma pericolose) vaglierei gli schemi con la 6c33c, che adoro, anche se per sentito dire non è che sia una valvola facile.

Un doppio triodo è possibile usarlo in push-pull? Mi pare che la 6c33c è un doppio triodo, no? :?

Ciao

David


Top
   
MessaggioInviato: domenica 16 maggio 2010, 19:33 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30262
Visto che dichiari di non avere grande esperienza, sarebbe più indicato partire con un progettino facile (ed economico), ad esempio con le EL34 consigliate da Bazzu

:wink:

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
MessaggioInviato: domenica 16 maggio 2010, 19:42 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 aprile 2008, 19:06
Messaggi: 960
Località: Perugia
Si, 6C33-B è un doppio triodo a catodo comune. Questo non ha importanza se il bias è fisso anzichè automatico, se si optasse per un bias automatico le valvole stesse dovrebbero esere selezionate per avere gli stessi parametri dei due triodi contenuti nello stesso bulbo. In questo caso il trasformatore di uscita può essere di facile costruzione perchè la valvola stessa non ha carichi difficili da realizzare, anzi! Per quanto riguarda il pilotaggio è vero che non è semplice a causa delle elevate capacità interelettrodiche che richiedono un pilotaggio in corrente, ma questo non è un problema se magari utilizzi piccole valvole di potenza magari pentodi collegati a triodo (6AQ5 o ECL82 e via dicendo) quello che risparmi in ferri e valvole lo puoi investire su front-end e riuscire a fare un lavoro tale che l'ampli possa sconfinare in classe AB2, tale cosa non è di grande qualità se l'ampli lo piloti a tutta birra, ma con volumi di ascolto normali/sostenuti è comunque una riserva dinamica per i picchi sporadici e consente di non avere un clipping accentuato. La 6AQ5 è come una 6v6 solo che ha bulbo piccolo tuttovetro e piedinatura a 7 pin, io ci ho fatto ampli da chitarra con ottimi risultati, è una valvola economicissima e se ne trovano tanti esemplari. La ECL82 ti consentirebbe di avere a disposizione anche un triodo in più simile ad una 6SL7 ma in questo caso non so se ti potrebbe essere utile, forse utilizzandolo come triodo in ingresso. Lo sfasatore in questo caso puoi deciderlo come vuoi, una bella soluzione potrebbe essere il Kappler o addirittura a trasformatore utilizzando anche una sola 6AQ5 e trasformatore intersatadio. La botta dovrebbe essere grossissima, se pilotato in potenza il 6C33-B sicuramente riesce a darti una potenza generosa.

ciao.

_________________
Andrea Bazzucchi


Top
   
MessaggioInviato: domenica 16 maggio 2010, 22:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 11 gennaio 2010, 21:04
Messaggi: 54
Località: Perugia
Si, quando parlo di queste cose mi viene di sognare ad occhi aperti.

Credo che accetterò il consiglio di Pierluigi Marzullo, penso che come primo passo nell' autocostruzione valvolare lo intraprenderò con qualcosa di collaudato anche perché se dovessi incontrare problemi potrei buttare via dei soldi ed avere delusioni.

Vada per le EL34 in push-pull. Le 6C33C per il momento le metto nel cassetto(dei sogni), pronto a tirarle fuori quando avrò più esperienza. :)

Ora sotto con la scelta del circuito

Ciao

David


Top
   
MessaggioInviato: domenica 16 maggio 2010, 23:06 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 aprile 2008, 19:06
Messaggi: 960
Località: Perugia
sicuramente per qualcosa di funzionante e collaudato potresti prendere in considerazione qualche vecchio schema Philips, daltronde la EL34 è nata in quella casa, quindi....

Ciao

_________________
Andrea Bazzucchi


Top
   
MessaggioInviato: lunedì 17 maggio 2010, 10:27 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 luglio 2008, 16:45
Messaggi: 11970
David ha scritto:
Si, quando parlo di queste cose mi viene di sognare ad occhi aperti.

Credo che accetterò il consiglio di Pierluigi Marzullo, penso che come primo passo nell' autocostruzione valvolare lo intraprenderò con qualcosa di collaudato anche perché se dovessi incontrare problemi potrei buttare via dei soldi ed avere delusioni.

Vada per le EL34 in push-pull. Le 6C33C per il momento le metto nel cassetto(dei sogni), pronto a tirarle fuori quando avrò più esperienza. :)

Ora sotto con la scelta del circuito

Ciao

David


io avrei qualche riserva sul pushpull molto meglio il parallelo che non è certo più dispendioso ne difficile ma sonicamente più valido. :mrgreen:

_________________
La sua soddisfazione è il nostro miglior premio!
(Dr. Thomas A.)


Top
   
MessaggioInviato: lunedì 17 maggio 2010, 11:00 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30262
Perché hai delle riserve sul Push-Pull ?

Il MITICO amplificatore Williamson, che ha stabilito le specifiche per un amplificatore Hi-Fi, era appunto un Push-Pull, e così tutti i grandi degli anni '50 e '60;
nessuno se n'è mai lamentato!

:wink:

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
MessaggioInviato: lunedì 17 maggio 2010, 15:05 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 luglio 2008, 16:45
Messaggi: 11970
Pierluigi Marzullo ha scritto:
Perché hai delle riserve sul Push-Pull ?

Il MITICO amplificatore Williamson, che ha stabilito le specifiche per un amplificatore Hi-Fi, era appunto un Push-Pull, e così tutti i grandi degli anni '50 e '60;
nessuno se n'è mai lamentato!

:wink:

Adesso però siamo nel 2010 :mrgreen: boh sara' perché ho letto tempo fa una comparazione fra due ampli identici con le 300b uno in configurazione pp e l' altro pse ed il primo non ne è uscito molto bene... Sarebbe una cosa da provare

_________________
La sua soddisfazione è il nostro miglior premio!
(Dr. Thomas A.)


Top
   
MessaggioInviato: lunedì 17 maggio 2010, 16:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 agosto 2009, 20:10
Messaggi: 616
Località: Italia
Pierluigi Marzullo ha scritto:
Perché hai delle riserve sul Push-Pull ?

Il MITICO amplificatore Williamson, che ha stabilito le specifiche per un amplificatore Hi-Fi, era appunto un Push-Pull, e così tutti i grandi degli anni '50 e '60;
nessuno se n'è mai lamentato!

:wink:


Ciao, perfetto!! ottima interpretazione dei grandi finali audio, che da allora fino ad ora non fanno una grinza!! Grande Pierluigi, mi piace il tuo tocco secco e preciso!! la tua affermazione a riguardo di tali amplificatori, la dice lunga, in pratica e in teoria!! ciao

_________________
Dal futuro ritorno al passato


Top
   
MessaggioInviato: lunedì 17 maggio 2010, 16:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 aprile 2008, 19:06
Messaggi: 960
Località: Perugia
Per quanto mi riguarda concordo pienamente su quanto accennato da Pierluigi circa Williamson, sicuramente i vantaggi ce ne sono e tanti rispetto al SEP.

1) per arrivare alla potenza di un PP a voglia a parallelare valvole.....

2) il push-pull cancella le armoniche pari con conseguente diminuzione drastica anche della THD

3) neutralizza molto meglio i disturbi, specialmente quelli che derivano dalle alimentazioni non troppo ben filtrate

4) a parità di potenza occorre molto meno ferro e rame per i TU con conseguente miglioramento della resa totale e soprattutto costi ridotti nonchè pesi e ingombri più umani

5) puoi farlo lavorare in classe A o in Classe AB a seconda di come uno voglia disporre di + o - potenza o di + o - qualità sonora, il SEP puoi farlo lavorare solo in classe A.

In passato anche io sono stato curioso dei SE in classe A, ma dalle esperienze che ho avuto è meglio un apparecchio neutro e più analitico rispetto a quelli con distorzioni eufoniche, se vuoi le armoniche pari basta sbilanciare un poco il PP e sei accontentato, se invece non le vuoi lo tieni perfettamente bilanciato e così te la cavi....queste sono operazioni che il SEP non te lo consente..... se poi l'eufonia comincia a stuccarti sul SEP non ci puoi far niente per toglierla, così è e così te lo tieni.

Se ho detto qualche fesseria per favore correggetemi.

Ciao.

_________________
Andrea Bazzucchi


Top
   
MessaggioInviato: lunedì 17 maggio 2010, 16:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 agosto 2009, 20:10
Messaggi: 616
Località: Italia
Bazzu ha scritto:
Se ho detto qualche fesseria per favore correggetemi


Ciao, ottima descrizione delle possibilità di tali phus-pull, sei molto sicuro nel rispondere e descrivere le funzionalità di una tipologia di apparato e sicuramente conosci bene anche l'elettronica in generale, complimenti!! ciao

_________________
Dal futuro ritorno al passato


Top
   
MessaggioInviato: lunedì 17 maggio 2010, 17:06 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 luglio 2008, 16:45
Messaggi: 11970
Dipende da quello che si vuole personalmente non sono un amante dello schiaccia e tira :mrgreen: Meglio pochi watt ma buoni altrimenti meglio il transistor: spendere cifre esagerate per trasformatori per avere un apparecchio che suona come un buon transistor con un decimo della potenza non ha senso nemmeno a scopo didattico perchè con poco di più ti fai una cosa seria tipo il conquest dell' audio note (ovviamente nom il kit)

_________________
La sua soddisfazione è il nostro miglior premio!
(Dr. Thomas A.)


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 69 messaggi ]  Vai alla pagina 1 2 3 Prossimo

Tutti gli orari sono UTC+02:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net