COSTRUIRE HIFI

Il forum italiano dell'autocostruzione Hi-Fi
Oggi è mer ott 22, 2014 7:08 am

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: "ampli per cuffia 600 Ohm": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 10:21 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 27, 2010 6:31 pm
Messaggi: 136
Buongiorno a tutti, su indicazione del gentilissimo Marzullo, posto alcuni quesiti che stanno nascendo a seguito della "maturazione" (grazie alle osservazioni degli amici del forum) del progetto di assemblare un'amplificazione d'alta qualità pensata per le prestazioni (tutt'ora sconosciute) delle nuove cuffie d'ultima generazione.


Pensavo di suddividere il "complesso" in tre parti (contenitori separati):


- Alimentazione duale, separata per ciascuno dei due canali

- Amplificatore in classe A single ended, dual mono, 10 watt circa (in modo da poter raggiungere volumi realistici anche su moduli a 600 ohm... sembrano tanti watt per le cuffie, ma non è così...), da scegliere ad esempio tra uno dei progetti di CHF (qualunque altra configurazione (valvolare o ibrida) non è esclusa a priori)

- Buffer di linea (quello nuovo di Marzullo) per garantire una migliore interfaccia tra la sorgente e l'amplificazione.


Ogni vostra indicazione in merito, soprattutto sulla scelta dell'ampli, sarà sinceramente gradita. :)

_________________
Davide


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 7:29 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven giu 18, 2010 6:58 pm
Messaggi: 1676
Località: Napoli
Hammerklavier ha scritto:
Buongiorno a tutti, su indicazione del gentilissimo Marzullo, posto alcuni quesiti che stanno nascendo a seguito della "maturazione" (grazie alle osservazioni degli amici del forum) del progetto di assemblare un'amplificazione d'alta qualità pensata per le prestazioni (tutt'ora sconosciute) delle nuove cuffie d'ultima generazione.


Pensavo di suddividere il "complesso" in tre parti (contenitori separati):


- Alimentazione duale, separata per ciascuno dei due canali

- Amplificatore in classe A single ended, dual mono, 10 watt circa (in modo da poter raggiungere volumi realistici anche su moduli a 600 ohm... sembrano tanti watt per le cuffie, ma non è così...), da scegliere ad esempio tra uno dei progetti di CHF (qualunque altra configurazione (valvolare o ibrida) non è esclusa a priori)

- Buffer di linea (quello nuovo di Marzullo) per garantire una migliore interfaccia tra la sorgente e l'amplificazione.


Ogni vostra indicazione in merito, soprattutto sulla scelta dell'ampli, sarà sinceramente gradita. :)


Certo che sono pochi! 10W su 8 ohm sono circa 9VRMS, per cui su 600 ohm diventano circa 1/8 di Watt!

Tranne che se non innalzi l'impedenza con un trasformatore...... BLEAH! :roll:

_________________
JBL, the best!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 9:52 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 27, 2010 6:31 pm
Messaggi: 136
AT2 ha scritto:
Hammerklavier ha scritto:
Buongiorno a tutti, su indicazione del gentilissimo Marzullo, posto alcuni quesiti che stanno nascendo a seguito della "maturazione" (grazie alle osservazioni degli amici del forum) del progetto di assemblare un'amplificazione d'alta qualità pensata per le prestazioni (tutt'ora sconosciute) delle nuove cuffie d'ultima generazione.


Pensavo di suddividere il "complesso" in tre parti (contenitori separati):


- Alimentazione duale, separata per ciascuno dei due canali

- Amplificatore in classe A single ended, dual mono, 10 watt circa (in modo da poter raggiungere volumi realistici anche su moduli a 600 ohm... sembrano tanti watt per le cuffie, ma non è così...), da scegliere ad esempio tra uno dei progetti di CHF (qualunque altra configurazione (valvolare o ibrida) non è esclusa a priori)

- Buffer di linea (quello nuovo di Marzullo) per garantire una migliore interfaccia tra la sorgente e l'amplificazione.


Ogni vostra indicazione in merito, soprattutto sulla scelta dell'ampli, sarà sinceramente gradita. :)


Certo che sono pochi! 10W su 8 ohm sono circa 9VRMS, per cui su 600 ohm diventano circa 1/8 di Watt!

Tranne che se non innalzi l'impedenza con un trasformatore...... BLEAH! :roll:



Allora facciamo tranquillamente 20... :) era solo per non essere bollato d'eresia: quale ampli per cuffia venduto come funzionante in classe A è in grado d'erogare mezzo watt buono su 600 ohm? Probabilmente chi li acquista non ha mai toccato il dissipatore di un finale in classe A... e 10 o 20 watt iniziano a scaldare non poco...

_________________
Davide


Ultima modifica di Hammerklavier il lun ago 02, 2010 9:54 pm, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 9:53 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab mar 15, 2008 8:37 pm
Messaggi: 4098
Località: Milano
Hammerklavier ha scritto:
- Amplificatore in classe A single ended, dual mono, 10 watt circa (in modo da poter raggiungere volumi realistici anche su moduli a 600 ohm... sembrano tanti watt per le cuffie, ma non è così...), da scegliere ad esempio tra uno dei progetti di CHF (qualunque altra configurazione (valvolare o ibrida) non è esclusa a priori)


Ok, per la classe A ma non occorre puntare a potenze elevate: è sufficiente garantire, con 10 volt rms di uscita, una corrente di riposo massima di mezzo ampere e prevedere, a valle dell'amplificatore, delle reti di adattamento resistive che dosino la potenza di uscita a seconda della classe di impedenza di cuffia in uso. Per capirci: 10 volt rms che alimentano DIRETTAMENTE una cuffia da 600 Ohm è quanto basta a spedirla in discarica senza tanti complimenti (le cuffie da due soldi partono con meno di 300 mW mentre per quelle di pregio di milliwatt per ucciderle ne bastano una cinquantina...).
Oltretutto una corrente di riposo relativamente contenuta consente di scegliere tra un'enorme offerta di transistori lineari senza andare a cercare tipi "speciali", "giapponesi" e storie varie. E consente di dotarlo di un alimentatore decente senza andare a pestare il diavolo per la coda (cioè, fuor di metafora, senza far girare troppa corrente. La regola è più corrente gira e più problemi ci sono - problemi che in questo caso si possono tranquillamente evitare).

Personalmente, fossi nei tuoi panni, mi orienterei su un amplificatore di tensione "alla Marzullo" adeguatamente potenziato in corrente sull'uscita, aggiungendogli un alimentatore stabilizzato pensato non solo per stabilizzare ma anche per impedire il passaggio da e per la rete di fastidi e interferenze varie (compresa quella tra i due canali ma questo è un reguisito su cui non vale troppo la pena di farsene una malattia anche perché in genere le sorgenti sono tutto tranne che dual-mono...). Il buffer di Marzullo lo inserirei solo in caso di effettiva necessità, da valutare sul campo.

Ciao
Piercarlo

_________________
http://piercarlo-audioelettronica.blogspot.it/ - Avvertenze d'uso:
1) Quanto dico e scrivo va preso "as is", senza garanzie, a puro titolo divulgativo.
2) Sono solo un hobbysta, con tutti i limiti e le mancanze del caso.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 10:00 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 27, 2010 6:31 pm
Messaggi: 136
Sempre approfondito e ti ringrazio Piercarlo. Qui mi mette offline, ma ho già letto la tua risposta.

Il fatto della potenza, aspetto su cui volevo proprio confrontarmi con te, è che ho notato che con le nuove cuffie (ad esempio Akg k 701) che hanno una potenza massima di 200mW, fanno sentire tutti i difetti... per questa ragione puntavo su una potenza "sovrabbondante", in modo tale da "allontanare" il più possibile i "limiti" della potenza, confidando in un'opportuno e avveduto intervento sulla manopola del volume... proprio come fanno i milionari con i loro impianti a diffusori.

Ad ogni modo, vista la tua competenza, se il "Marzullo" di cui parli è "raggiungibile" su uno degli arretrati disponibili, procederei anche domani all'ordine... :)

_________________
Davide


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 10:09 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 27, 2010 6:31 pm
Messaggi: 136
Piercarlo ha scritto:
Hammerklavier ha scritto:
- Amplificatore in classe A single ended, dual mono, 10 watt circa (in modo da poter raggiungere volumi realistici anche su moduli a 600 ohm... sembrano tanti watt per le cuffie, ma non è così...), da scegliere ad esempio tra uno dei progetti di CHF (qualunque altra configurazione (valvolare o ibrida) non è esclusa a priori)


Ok, per la classe A ma non occorre puntare a potenze elevate: è sufficiente garantire, con 10 volt rms di uscita, una corrente di riposo massima di mezzo ampere e prevedere, a valle dell'amplificatore, delle reti di adattamento resistive che dosino la potenza di uscita a seconda della classe di impedenza di cuffia in uso. Per capirci: 10 volt rms che alimentano DIRETTAMENTE una cuffia da 600 Ohm è quanto basta a spedirla in discarica senza tanti complimenti (le cuffie da due soldi partono con meno di 300 mW mentre per quelle di pregio di milliwatt per ucciderle ne bastano una cinquantina...).
Oltretutto una corrente di riposo relativamente contenuta consente di scegliere tra un'enorme offerta di transistori lineari senza andare a cercare tipi "speciali", "giapponesi" e storie varie. E consente di dotarlo di un alimentatore decente senza andare a pestare il diavolo per la coda (cioè, fuor di metafora, senza far girare troppa corrente. La regola è più corrente gira e più problemi ci sono - problemi che in questo caso si possono tranquillamente evitare).

Personalmente, fossi nei tuoi panni, mi orienterei su un amplificatore di tensione "alla Marzullo" adeguatamente potenziato in corrente sull'uscita, aggiungendogli un alimentatore stabilizzato pensato non solo per stabilizzare ma anche per impedire il passaggio da e per la rete di fastidi e interferenze varie (compresa quella tra i due canali ma questo è un reguisito su cui non vale troppo la pena di farsene una malattia anche perché in genere le sorgenti sono tutto tranne che dual-mono...). Il buffer di Marzullo lo inserirei solo in caso di effettiva necessità, da valutare sul campo.

Ciao
Piercarlo



Riguardo i rumori sono veramente un problema... per questo avevo messo in conto di porre in contenitori separati alimentazione e amplificazione. Mi sono accorto proprio con le prove fatte sino ad ora che finché le due parti "coesistono", qualche ronzio entra sempre... ronzii che sarebbero occultati utilizzando i diffusori...

Riguardo alle modifiche e agli adattamenti di cui mi hai gentilmente parlato (che concettualmente comprendo e condivido completamente), non saprei da che parte iniziare, lo ammetto. 8) :)

_________________
Davide


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 10:18 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 27, 2010 6:31 pm
Messaggi: 136
In effetti il massimo sarebbe ottenere un amplificatore contenuto nel senso "energetico del termine", ma con un'erogazione estremamente pulita e lineare... questo giustamente eviterebbe di assemblare in pratica un finale da diffusori che come differenza ha solo lo spinotto d'uscita... (con tutte le difficoltà che comporta la realizzazione di un finale "vero"... non ho nessuna intenzione di scadere in qualche "pseudo aleph" da autostruttore domenicale...)

L'inconveniente da evitare è che la potenza sia tanto ben suonante quanto "poca"... è noto che quel "state of the art" che abbiamo visto in foto comincia a mostrare la corda oltre il centinaio di ohm...

_________________
Davide


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 10:39 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab mar 15, 2008 8:37 pm
Messaggi: 4098
Località: Milano
Hammerklavier ha scritto:
Il fatto della potenza, aspetto su cui volevo proprio confrontarmi con te, è che ho notato che con le nuove cuffie (ad esempio Akg k 701) che hanno una potenza massima di 200mW, fanno sentire tutti i difetti... per questa ragione puntavo su una potenza "sovrabbondante", in modo tale da "allontanare" il più possibile i "limiti" della potenza, confidando in un'opportuno e avveduto intervento sulla manopola del volume... proprio come fanno i milionari con i loro impianti a diffusori.


Il tipo di difetti a cui ti riferisci (clippling e saturazioni in primo luogo) provengono soprattutto da un errato rapporto di attenuazione esistente tra amplificatore e spinotto della cuffia. Che, finché non si inserisce una rete adattatrice che vari l'attenuazione in funzione del tipo di cuffia risulterà sempre un compromesso e neppure molto buono: la rete di adattamento che occorre per una cuffia economica con auricolari da 32-48 ohm (tipici) è MOLTO diversa da quella che occorre per adattare la stessa uscita ad una cuffia di alto livello da 600 Ohm. Questo fine settimana, appena ho un buco di tempo recupero, proprio da un mio schema di finale per cuffia che poi non ha avuto seguito (non l'avevo elaborato per me... io mi accontentavo e mi accontento tuttora di molto meno), l'attenuatore-adattatore di uscita, che è stato pensato proprio avendo in mente che ogni classe di cuffia è un mondo a sé che deve essere trattato dall'amplificatore "come se" fosse stato costruito appositamente per essa (e viceversa l'amplificatore si deve trovare a lavorare su un carico che, quale che sia la cuffia collegata, gli appaia sempre con le stesse caratteristiche). Pazienta qualche giorno! :wink:

Ciao
Piercarlo

_________________
http://piercarlo-audioelettronica.blogspot.it/ - Avvertenze d'uso:
1) Quanto dico e scrivo va preso "as is", senza garanzie, a puro titolo divulgativo.
2) Sono solo un hobbysta, con tutti i limiti e le mancanze del caso.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 11:19 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 27, 2010 6:31 pm
Messaggi: 136
Piercarlo ha scritto:
Hammerklavier ha scritto:
Il fatto della potenza, aspetto su cui volevo proprio confrontarmi con te, è che ho notato che con le nuove cuffie (ad esempio Akg k 701) che hanno una potenza massima di 200mW, fanno sentire tutti i difetti... per questa ragione puntavo su una potenza "sovrabbondante", in modo tale da "allontanare" il più possibile i "limiti" della potenza, confidando in un'opportuno e avveduto intervento sulla manopola del volume... proprio come fanno i milionari con i loro impianti a diffusori.


Il tipo di difetti a cui ti riferisci (clippling e saturazioni in primo luogo) provengono soprattutto da un errato rapporto di attenuazione esistente tra amplificatore e spinotto della cuffia. Che, finché non si inserisce una rete adattatrice che vari l'attenuazione in funzione del tipo di cuffia risulterà sempre un compromesso e neppure molto buono: la rete di adattamento che occorre per una cuffia economica con auricolari da 32-48 ohm (tipici) è MOLTO diversa da quella che occorre per adattare la stessa uscita ad una cuffia di alto livello da 600 Ohm. Questo fine settimana, appena ho un buco di tempo recupero, proprio da un mio schema di finale per cuffia che poi non ha avuto seguito (non l'avevo elaborato per me... io mi accontentavo e mi accontento tuttora di molto meno), l'attenuatore-adattatore di uscita, che è stato pensato proprio avendo in mente che ogni classe di cuffia è un mondo a sé che deve essere trattato dall'amplificatore "come se" fosse stato costruito appositamente per essa (e viceversa l'amplificatore si deve trovare a lavorare su un carico che, quale che sia la cuffia collegata, gli appaia sempre con le stesse caratteristiche). Pazienta qualche giorno! :wink:

Ciao
Piercarlo


Guarda, sei un grande.... :)

E' evidente che gli ampli per cuffia in commercio (pochi dispongono di uscite differenziate e, nel caso, non superiori a due... e forse nemmeno pensate più di tanto...) siano un compromesso come con i diffusori (della serie "prova quello che ti suona meglio e accontentati"...). Non voglio tuttavia scomodarti... io ti ringrazio veramente per ogni indicazione che mi offrirai poiché, come ho già accennato, per me ascoltare "senza compromessi" è una necessità prima ancora che un piacere. E proprio come te, piuttosto che sentirmi cose mal suonanti sulle quali ho speso dei soldi, sopporto meglio grossi compromessi e niente fronzoli...

_________________
Davide


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: lun ago 02, 2010 11:28 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 27, 2010 6:31 pm
Messaggi: 136
Giusto per dirne una, attualmente ascolto con due akg economiche lievemente "ritoccate", attaccate direttamente a un lettore cd portatile... non uso né le cuffie di pregio che ho riposto nel cassetto, né quegli arnesi da DIY domenicale che ho assemblato...

Spesso si sottovaluta la necessità di una coerenza anche nelle pecche: se sono molte e "armonizzate" sono meglio di qualcosa di migliore, ma corredato di grosse incoerenze nei difetti... della serie "è meglio una fiat cinquecento di una Ferrari con il motore di una cinquecento..."


A presto Piercarlo, buona giornata

_________________
Davide


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: gio ago 12, 2010 10:06 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 27, 2010 6:31 pm
Messaggi: 136
Naturalmente auguro a tutti un sereno Ferragosto. :)

A presto

_________________
Davide


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progetto "ampli cuffia": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: sab ago 14, 2010 1:24 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio mag 13, 2010 9:24 pm
Messaggi: 46
in un altro topic mi è stato detto che in campo audio si tende a non rispettare sempre la condizione di adattamento in ingresso
quindi ragionando in maniera analoga si potrebbe ipotizzare lo stesso per l'uscita (correggetemi se sbaglio).
se questa condizione di adattamento può essere ignorata nel livello di uscita si potrebbe strutturare un circuito nei seguenti blocchi.
buffer in ingresso- filtro e potenziometro per il volume - modulo di amplificazione controllato - buffer uscita.

-- il buffer in uscita presenta un impedenza di uscita sui 16ohm o al max 32
-- il modulo di amplificazione controllato tramite selettore aumenta o diminuisce sensibilmente la resistenza di controreazione aumentando/diminuendo il guadagno a seconda della potenza massima che si vuole dare alla cuffia

ipotizzando una potenza di 200mw imposteremo il valore massimo di tensione a 2.5v su 32ohm e 12v su 600ohm e cosi via
in modo da non rischiare di sfondare cuffia e orecchie ed avere nello stesso tempo una potenza in uscita sempre costante
(sempre se la condizione di adattamento può essere ignorata)
sbagliato qualcosa???


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: "ampli per cuffia 600 Ohm": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: mer ago 18, 2010 8:01 am 
Non connesso

Iscritto il: lun ago 13, 2007 6:33 am
Messaggi: 5275
Scusate la mia intromissione. Nel discorso sull'impedenza di carico bisogna pensare anche al fatto che l'impedenza non è costante.

Negli auricolari in-ear l'impedenza è piatta (pari a quella nominale) ma in molte cuffie full-size "home" il modulo dell'impedenza è fortemente variabile (l'impedenza nominale la si ha solo in una ristretta banda di frequenze), con il picco della risonanza che sale, sale, sale ... .

Naturalmente i datasheet dei costruttori ci informano solo dell'impedenza nominale.

_________________
marco59


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: "ampli per cuffia 600 Ohm": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: ven ago 20, 2010 4:15 pm 
Non connesso

Iscritto il: lun ago 13, 2007 6:33 am
Messaggi: 5275
Altra osservazione (tenete conto che non sono un esperto): visto che si parla spesso di DAC con oversampling o zero-oversampling, e dei relativi filtri in grado di attenuare i segnali/"immagini" di frequenza superiore a quella di taglio pari a 22.05 kHz, l'ampli per cuffia dovrebbe anche non soffrire (*) se l'attenuazione delle citate frequenze ultrasoniche fosse effettuata, dal lettore CD o dal suo DAC, in maniera molto blanda.
Il discorso vale sia per gli ampli per i diffusori che per gli ampli per cuffia. Entrambi dovranno poter amplificare segnali proveniente anche da lettori SACD e/o segnali LPCM a maggiore definizione e più largo spettro di frequenze (come previsto dai rispettivi standard).

Ciao.
(*) Distorsioni, problemi di funzionamento, problemi con la controreazione.

_________________
marco59


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: "ampli per cuffia 600 Ohm": buffer di linea e amplificazione
MessaggioInviato: mar set 07, 2010 1:16 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 27, 2010 6:31 pm
Messaggi: 136
Notizie riguardo l'amplificatore in corrente per cuffie....? :mrgreen:

Salutoni a tutti

_________________
Davide


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010