IN EDICOLACHF 233 Settembre 2018

Moderatori: Fran65, abassanelli, Un_Moderatore, Pierluigi Marzullo, marco59

Avatar utente

ilbrazzo
Messaggi: 1072
Iscritto il: lunedì 16 giugno 2008, 10:47
Italy

Re: CHF 233 Settembre 2018

#26

Messaggio da leggere da ilbrazzo » venerdì 12 ottobre 2018, 17:41

Tra le lettere al Direttore c'è quella del Sig. Giannino Romagnoli, già intervenuto nel numero precedente in merito al tweak del giradischi LIDL e la presenza su un noto sito di e-commerce di un kit valvolare ciniese a 10€ circa.
Nella risposta si afferma che lo schema elettrico dell'alimentatore, abbinato alla risposta, non c'entra nulla con l'argomento della lettera (il kit cinese) e deve trattarsi di un refuso.

In realtà, andando a cercare tra le varie proposte di quel kit (ce ne sono diversi, di diversi produttori e diversi costi) ce n'è una che include anche proprio quello schema di quell'alimentatore.
Se poi il refuso è stato fatto a monte dall'inserzionista, questo non mi è dato sapere.
Però (vado a memoria) quel kit funziona con una duale a +28 / -28 e quell'alimentatore propone in uscita proprio una duale a +28 / -28.

Come diceva Adam Kadmon: "Coincidenze? Io non credo."


Federico

Avatar utente

ilbrazzo
Messaggi: 1072
Iscritto il: lunedì 16 giugno 2008, 10:47
Italy

#27

Messaggio da leggere da ilbrazzo » domenica 28 ottobre 2018, 18:46

Ho tenuto per ultima la lettura dell'articolo di Ari, ma mi ha lasciato più di un dubbio.

1) La configurazione scelta in un primo momento sembra la 13/F della tabella 1, poi di colpo si passa alla 11/K della tabella 2, che riporta gli stessi valori tranne 80 e rotti V in più di anodica. Da dove arrivano questi Volt? Quindi alla fine, che configurazione si usa?

2) Lo schema del Neo Simplex (cioè l'oggetto dell'articolo) è quello di Fig. 3a oppure quello di Fig. 4?

3) Gli schemi di alimentazione delle Fig. 3b e 3c a quale circuito si riferiscono? I valori dei componenti non mi sembrano corrispondere a quanto detto nel testo. In entrambi gli schemi si rimanda ad un "terminale B" della sezione amplificatrice, e già questo non mi convince. Poi nello schema di Fig. 3c si dice di collegare il filo bianco al "terminale C" della sezione amplificatrice; se si riferisce ai terminali della Fig. 3a mi sa che si rischia il botto, perchè B e C sono connessi in continua.

4) Sempre con riferimento allo schema di Fig. 3a: non trovo nessun punto, negli schemi degli alimentatori, dove collegare il terminale A. Dimenticanza?
Federico

Rispondi PrecedenteSuccessivo

Torna a “IN EDICOLA”