IN EDICOLAFEDELTA’ DEL SUONO #275 – 11/2018 – GOOD VIBRATIONS

Moderatori: Fran65, abassanelli, Un_Moderatore, Pierluigi Marzullo, marco59

Avatar utente

Topic author
abassanelli
Site Admin
Messaggi: 509
Iscritto il: giovedì 2 agosto 2007, 15:48
Contatta:
Italy

FEDELTA’ DEL SUONO #275 – 11/2018 – GOOD VIBRATIONS

#1

Messaggio da leggere da abassanelli » venerdì 9 novembre 2018, 20:36

FDS-275-#01.jpg
EDITORIALE

Good Vibrations
 

I-I love the colorful clothes she wears

And the way the sunlight plays upon her hair

I hear the sound of a gentle word

On the wind that lifts her perfume through the air

I'm pickin' up good vibrations

She's giving me the excitations (oom bop bop)

I'm pickin' up good vibrations (good vibrations, oom bop bop)

She's giving me the excitations (excitations, oom bop bop)

I'm pickin' up good vibrations (oom bop bop)

She's giving me the excitations (excitations, oom bop bop)

I'm pickin' up good vibrations (oom bop bop)

She's giving me the excitations (excitations)

Close my eyes, she's somehow closer now

Softly smile, I know she must be kind

When I look in her eyes

She goes with me to a blossom world

I'm pickin' up good vibrations

She's giving me excitations (oom bop bop)

I'm pickin' up good vibrations (good vibrations, oom bop bop)

She's giving me excitations (excitations, oom bop bop)

Good, good, good, good vibrations (oom bop bop)

She's giving me excitations (excitations, oom bop bop)

Good, good, good, good vibrations (oom bop bop)

She's giving me excitations (excitations)

Ah, ah, my my, what elation

I don't know where but she sends me there

Oh, my my, what a sensation

Oh, my my, what elation

Oh, my my, what

Gotta keep those lovin' good vibrations a-happenin' with her

Gotta keep those lovin' good vibrations a-happenin' with her

Gotta keep those lovin' good vibrations a-happenin'

Good, good, good, good vibrations (oom bop bop)

She's giving me the excitations (excitations, oom bop bop)

I'm pickin' up good vibrations

Na na na na na, na na na

Na na na na na, na na na (bop bop-bop-bop-bop, bop)

Do do do do do, do do do (bop bop-bop-bop-bop, bop)

Do do do do do, do do do (bop bop-bop-bop-bop, bop)



Album: Smiley Smile

Artista: Beach Boys

 

 



Questo mese ho molte cosa da dirvi.



Partiamo subito da quelle meno piacevoli… lo avrete già visto e ve ne sarete già accorti quando avete pagato la rivista. Da questo mese costiamo anche noi 7 euro.

Mi dispiace, abbiamo resistito il più possibile ma i continui aumenti della carta, uniti agli aumenti dei costi di trasporto (l’ultimo in ordine di tempo è di oggi, 1 novembre, dove ci informano che a seguito del crollo del Ponte Morandi di Genova, con conseguente modifica della viabilità ligure, il distributore per la Liguria ci comunica che le tariffe del suo servizio subiranno una variazione in forza dell'aumento degli oneri sostenuti!) hanno reso inevitabile questo piccolo aumento del prezzo di copertina.

Credo che a nessuno di voi fosse sfuggito il fatto che eravamo l’ultima rivista italiana di settore a non aver aumentato il prezzo di copertina da agosto 2015 e ciò nonostante il fatto che non prendiamo soldi pubblici (come invece accade ad esempio a SUONO che, quest’anno prenderà la bella cifra di 156.790,80 € a fondo perduto!).

Non vorrei tornare su questo argomento, più e più volte affrontato dal vecchio direttore, ma credo che in un momento complicato come quello che stiamo vivendo in Italia oggi, anche 52 MILIONI di euro facciano comodo e quindi VADANO TOLTI QUESTI CONTRIBUTI dati solo ad una PICCOLA PARTE DI EDITORI.

Questo fatto crea non solo una evidente stortura nel mercato (se ci regalassero ogni mese 13.065,90 € vi assicuro che avreste ogni mese una rivista BEN PIÙ GRANDE e MOLTO MENO COSTOSA!) ma soprattutto non garantisce quell’esercizio di libertà e di pluralità nell’informazione che, immagino, il legislatore auspicasse.

Perché mai dovrei pagare con i miei soldi un contributo all’AVVENIRE, giornale della CEI (non credo che manchino i soldi alla CEI!!!) o a IL MANIFESTO (qualcuno lo vede in edicola?!?) o alla nota rivista LUNA NUOVA, tanto per citare alcuni esempi.

Comunque sia questo è, anche se, spero, che questo nuovo governo del cambiamento (?!?) possa realmente CAMBIARE QUALCOSA in questo nostro povero Paese!



Cambiando argomento, vorrei spendere due parole sull’editoriale di Lorenzo Zen di questo mese, editoriale che, immagino, non mancherà di destare interesse e critiche.

Il pensiero mio e di Lorenzo sull’argomento è noto ed è alla base del progetto editoriale di questa rivista da sempre.

Noi siamo convinti che le misure NON SERVANO A NULLA IN AMBITO DOMESTICO.

Se fossimo in ambito professionale potrei forse capirlo (anche se, vi assicuro, avendo vissuto il backstage di molti concerti, che anche in quel caso a nessuno interessa nulla di misure o altre menate del genere) ma noi non siamo in ambito professionale!

Noi utilizziamo queste apparecchiature per il nostro piacere personale (o almeno questo dovrebbe essere il fine ultimo) e quindi perché mai dovrei occuparmi di misurare una cosa che è fatta per il mio piacere?!?

L’unica cosa che DEVE interessarmi è che sia a norma, che rispetti le regole e gli standard internazionali di sicurezza, che sia compatibile con le altre mie apparecchiature… dopo di che, DIVERTIAMOCI!





Ascoltate LA MUSICA e fatela finita con queste “pippe mentali” dell’ascolto dell’impianto!



Uscite, andate ai concerti, ascoltate musica dal vivo (meglio se non amplificata!) e andate a sentire come suona VERAMENTE un violino, un pianoforte a coda, un clarinetto o un sax contralto.

Godete della musica finché potete e ogni qualvolta vi riesca di farlo.

L’impianto hifi allora diventerà il vostro necessario complemento per una passione che è INSITA NELL’UOMO.



Friedrich Nietzsche scriveva che “senza musica la vita sarebbe un errore” e aveva ragione.



Ma la musica va vissuta e ascoltata “AS IS” come dicono gli anglosassoni, ovvero PER QUELLA CHE È!

Fidatevi di chi la musica la fa, la produce (due nomi fra tutti in Italia Marco Lincetto e Giulio Cesare Ricci) e di chi la musica la ascolta e ve lo dimostra, come noi che ogni volta nelle nostre prove vi indichiamo i DISCHI CHE ABBIAMO UTILIZZATO, in modo che anche voi possiate replicare le sensazioni di ascolto che i nostri recensori vi hanno descritto.



NON VI FIDATE di chi NON SI FIDA DELLE PROPRIE ORECCHIE e NON VI FIDATE DI CHI VI DICE CHE HA ESPERIENZA DI MUSICA DAL VIVO PARI A ZERO!



Come possono questi dirvi come suona quell’ampli, quel diffusore o quel lettore CD???

Come???



C’è chi neanche dopo 252 prove e controprove è riuscito a trovare quel suono che AVEVA PERDUTO e ANCORA OGGI VA CERCANDO!



Alla fine aveva ragione Marco Lincetto ad arrabbiarsi e a scrivere quello che scrive su Facebook!

Tanta ragione che gli ho chiesto di provare per noi una cuffia, della quale, a breve, leggerete su queste pagine!



Come vedete, alla fine, noi siamo DIVERSI: a noi di FDS piace la MUSICA, piacciono quelle “GOOD VIBRATIONS” che ci vengono dalle emozioni, piacciono quelli che la musica la FANNO e la PRODUCONO (a proposito, tanti auguri a Giulio Cesare e alla sua fonè che compie 35 anni di attività) e piacciono quelli che comprano l’impianto hifi per ascoltare MUSICA e non per farsi delle grandi quanto inutili “pippe mentali”!



E adesso… FUOCO ALLE POLVERI!



Scrivetemi pure, come sempre, senza remore a



abassanelli@fedeltadelsuono.net



Buona musica e avanti tutta!


---------------------------------------------------------------------------------------


SOMMARIO

EDITORIALE

Good Vibrations

di Andrea Bassanelli

 

IN COPERTINA

Prince

Piano & A Microphone 1983

di Mauro Bragagna

 

IL CAPPELLO A CILINDRO

Lettere al Direttore

di Andrea Bassanelli



Reportage AQ - Acoustique Quality

Dalla Repubblica Ceca un suono che non ti aspetti!

di Andrea Bassanelli



IL REGNO DEGLI ASCOLTI

Amplificatore integrato

ROTEL RA-1592

Ritorno al futuro

di Roberto Pezzanera



Giradischi a trazione a cinghia

Pro-Ject “The classic SB SuperPack”

L’essenza della semplicità

di Gabriele Brilli



Lettore CD e DAC

Creek Audio Evolution 50CD

Io non ho paura

di Dimitri Santini



Amplificatore integrato a valvole

Synthesis Action A40 Virtus

Il valvolare che non ti aspetti

di Marco Bicelli



Suite di cavi

Anticables Suite di cavi

Non c’è rosa senza spine…

di Gabriele Brilli





I DECALOGHI

di Lorenzo Zen

 

HI-END MAGAZINE®

Diffusori Full Tower

Sonus faber Sonetto V

L’Italia si riprende la ribalta

di Alberto Guerrini



Meccanica di lettura

McIntosh MCT500

La strada è l’essenza della musica

di Alberto Guerrini



IL CLUB BLU PRESS

Accessori – Modulo Iscrizione e Abbonamenti

 

LA BACCHETTA MAGICA

FDS MUSICA a cura della Redazione

NOTIZIE DAL MONDO DELLA MUSICA a cura di Giada Ventura

DISCO DEL MESE di Mauro Bragagna

JAZZ DISCHI di Francesco Peluso

ROCK E I SUOI FRATELLI AUDIOFILI di Mauro Bragagna

APPUNTAMENTI D’ASCOLTO a cura di Giada Ventura

DEUS EX AUDIO a cura di Paolo Lippe

 

ANNUNCI COMPRO/VENDO

a cura della Redazione


BLU PRESS
Il Direttore
Andrea Bassanelli


marco59
Messaggi: 10762
Iscritto il: lunedì 13 agosto 2007, 7:33
Italy

#2

Messaggio da leggere da marco59 » venerdì 9 novembre 2018, 21:17

Andrea, scusami eh,
non continuare a mischiare le cose:

Chi legge Fedeltà del Suono non deve costruire diffusori o amplificatori. E' ovvio che le misure non lo interessano.

Chi i diffusori se li deve invece costruire, e si deve comprare gli altoparlanti, e si deve modellare i filtri per incrociare gli altoparlanti, e deve compensare picchi e buchi nella risposta in frequenza, ... , senza guardare le misure e i parametri non può neanche comprare gli altoparlanti.
E infatti chi legge CHF non legge Fedeltà del Suono e viceversa. Sono due diverse tipologie di letture. Non ci sono due duellanti.
marco59

Avatar utente

Topic author
abassanelli
Site Admin
Messaggi: 509
Iscritto il: giovedì 2 agosto 2007, 15:48
Contatta:
Italy

#3

Messaggio da leggere da abassanelli » venerdì 9 novembre 2018, 21:54

Marco, scusami eh
ma TI SBAGLI!

Ci sono lettori di CHF che comprano e SONO ABBONATI anche a FDS e viceversa, anche se è più facile che chi compra CHF possa comprare anche FDS che non il contrario.

e poi, ammesso che anche SOLO UNO DI VOI forumer possa essere interessato a FDS, perchè non dovrei utilizzare IL MIO FORUM per fare pubblicità alle MIE RIVISTE?

nessuno duella con nessuno...
BLU PRESS
Il Direttore
Andrea Bassanelli


marco59
Messaggi: 10762
Iscritto il: lunedì 13 agosto 2007, 7:33
Italy

#4

Messaggio da leggere da marco59 » venerdì 9 novembre 2018, 22:31

Io voglio dire che fai bene a fare due riviste separate,
e che non si devono fare la guerra e che non devono vincere nessun duello.

Non ti voglio veder aizzare le due anime diverse che caratterizzano le due riviste, anche perché gli interessi, come mi confermi, quando gli articoli sono ricchi di contenuti veri e non di pareri opinabili, possono essere comuni. :D
marco59

Avatar utente

Topic author
abassanelli
Site Admin
Messaggi: 509
Iscritto il: giovedì 2 agosto 2007, 15:48
Contatta:
Italy

#5

Messaggio da leggere da abassanelli » venerdì 9 novembre 2018, 22:37

Assolutamente, anzi mi piacerebbe che in futuro qualcuno di voi possa scrivere degli articoli TECNICI ma GENERICI da pubblicare su FDS!
BLU PRESS
Il Direttore
Andrea Bassanelli

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#6

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » sabato 10 novembre 2018, 14:10

Noi siamo convinti che le misure NON SERVANO A NULLA IN AMBITO DOMESTICO
Se rimangono fine a se stesse - ovviamente - non servono a nulla.

Invece, servono MOLTO se si utilizzano per caratterizzare il proprio ambiente di ascolto, e capire quali accorgimenti ed eventuali modifiche si possano effettuare

PER MINIMIZZARE I RILEVANTI PROBLEMI DI ACUSTICA AMBIENTALE DI CUI SOFFRE QUALSIASI AMBIENTE CHE NON SIA STATO SPECIFICAMENTE STUDIATO E PROGETTATO

alcuni di questi accorgimenti sono anche molto semplici ed immediati da realizzare, con un a spesa minima,
con risultati eccellenti, come si può leggere nell'ottima sezione del Forum dedicata all'acustica ambientale, grazie a Marco Bonioli

fa torcere le budella il pensiero di gente che va a spendere migliaia di euro per cercare di correggere i problemi del proprio impianto con cavi esoterici ed altri miracolosi prodotti, che nulla di buono potranno sortire, essendo il problema dell'impianto non elettrico, bensì acustico.

Se poi scendiamo nel campo dell'elettronica, per piacere non diciamo assurdità, perché lì senza misure non si fa nulla, né si può fare nulla;
le misure sono nate insieme ai componenti elettronici, e senza quelle nemmeno avrebbero mai potuto essere sviluppati, quindi di cosa parliamo?

di chi rifiuta le misure altrimenti non può dire quel che gli pare senza esse sp utt anato ?

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Avatar utente

Topic author
abassanelli
Site Admin
Messaggi: 509
Iscritto il: giovedì 2 agosto 2007, 15:48
Contatta:
Italy

#7

Messaggio da leggere da abassanelli » sabato 10 novembre 2018, 19:04

Non confondete i piani...

Le misure DEGLI APPARECCHI HIFI in ambito domestico NON SERVONO AD UNA BENEAMTA FAVA!
Chi compra hifi commerciale o anche highend delle misure non se ne fa nulla.

Diverso è il discorso dell acustica ambientale dove le misure sono necessarie per fare il fine tuning mentre per un primo tuning generico possono essere ampiamente evitate.

Ancora diverso è il discorso per chi progetta dove senza misure si va poco lontano, nella prima fase, poi nel tuning finale TUTTI UTILIZZANO LE ORECCHIE!

Quanto ai cavi, vi pregherei di fare discorsi solo dopo averne ascoltati alcune decine. Dopo di che il primo che mi dice che un cavo non influisce nel migliorare il suono di un impianto, o è SORDO o è in MALAFEDE!

Tra un cavo di alimentazione da 2 euro e uno da 40/50 euro c’è di mezzo l’abisso!
Tra un cavo usb da pc e uno hifi da 30 euro c’è di mezzo il sentire come realmente suona quel pezzo!

Io ero più scettico di voi ma adesso, dopo decine e decine di prove, sono pronto a qualsiasi confronto, in cieco, doppio o triplo!
BLU PRESS
Il Direttore
Andrea Bassanelli

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#8

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » sabato 10 novembre 2018, 20:30

Gli apparecchi commerciali di buon livello hanno ormai - da tempo - raggiunto dei livelli tecnici talmente alti che in effetti le misure non sono più rilevanti -
sempreché - ovviamente - si raggiunga almeno quel livello qualitativo ...

Certo, per un primo tuning, l'orecchio fà soddisfacentemente il suo,
ma oltre si confonde, e lì le misure aiutano (molto) a trovare la giusta via
(l'orecchio non è un valido strumento di misura, perché è controllato dal cervello, che gli dice come e cosa sentire (lo equalizza anche)).

Per il resto, l'efficacia dei farmaci si verifica in doppio cieco (ABX), proprio per la suggestionabiltà dei nostri sensi;
se le differenze dei cavi non le senti in ABX ...

(cosa che chi vende i cavi rifiuta categoricamente ;) )

certo, ci sono differenze nei cavi, ma bisogna vedere perché e percome;
il discorso non è semplice, e anche in questo caso le misure ci aiutano a distinguere la fuffa dalla lana

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


macgiver
Messaggi: 1004
Iscritto il: mercoledì 5 giugno 2013, 16:37
Località: Lecce
Italy

#9

Messaggio da leggere da macgiver » domenica 11 novembre 2018, 2:43

abassanelli ha scritto:
sabato 10 novembre 2018, 19:04
Tra un cavo di alimentazione da 2 euro e uno da 40/50 euro c’è di mezzo l’abisso!
Tra un cavo usb da pc e uno hifi da 30 euro c’è di mezzo il sentire come realmente suona quel pezzo!

Io ero più scettico di voi ma adesso, dopo decine e decine di prove, sono pronto a qualsiasi confronto, in cieco, doppio o triplo!
Allora facciamo nomi e cognomi così tutti possono fare i loro confronti

Rispondi PrecedenteSuccessivo

Torna a “IN EDICOLA”