IN EDICOLACOSTRUIRE HIFI #236 – 12/2018 – TRE PUNTI E A CAPO…

Moderatori: Fran65, abassanelli, Un_Moderatore, Pierluigi Marzullo, marco59


12trxb
Messaggi: 93
Iscritto il: mercoledì 10 ottobre 2007, 23:53

Re: COSTRUIRE HIFI #236 – 12/2018 – TRE PUNTI E A CAPO…

#26

Messaggio da leggere da 12trxb » venerdì 21 dicembre 2018, 20:22

abassanelli ha scritto:
giovedì 20 dicembre 2018, 22:16
12trxb ha scritto:
mercoledì 19 dicembre 2018, 21:02
Andrea,
ho realizzato ora che per "Nella pagina accanto a questo editoriale ecc ecc" si intendeva il testo pubblicato sulla rivista e non ad una eventuale pagina qui sul Forum.
Gradirei comunque una risposta al mio quesito, ossia se inviando un articolo per la pubblicazione se ne perde la proprietà intellettuale.
Grazie, Giovanni
Ciao Giovanni
Nel momento in cui una persona diventa collaboratore firma un contratto e dietro corrispettivo l’articolo viene ceduto alla rivista, cessione del diritto d’autore

Ciò vale ovviamente solo per l’Italia e solo per pubblicazioni similari alla nostra tranne che accordi diversi non stabiliscano altrimenti.

Ho risposto?
Ciao Andrea,
hai risposto sì e no, nel senso che per ciò che interessava a me hai risposto completamente.
Ma hai dato una risposta dubbia, a mio avviso, in senso generale.
Mi spiego meglio.
La mia domanda nasce per due motivi. Il primo è che ho pubblicato un articolo aspettandomi un certo riscontro, che invece finora è stato zero. Sono certo che se lo stesso lo avessi pubblicato ad esempio sul forum Lencoheaven adesso non avrei nemmeno il tempo per dormire di notte. Siccome l’argomento mi interessa, volevo sapere se potevo pubblicarlo all’estero.
Il secondo motivo è che, proprio per capire se potevo farlo, non ho trovato da nessuna parte le regole riguardanti la pubblicazione (diritti, doveri, responsabilità ecce cc), malgrado si venga spesso sollecitati ad inviare articoli.
Quindi per quello che era di mio interesse hai risposto, grazie.
Però, in senso generale, credo che la frase “Nel momento in cui una persona diventa collaboratore firma un contratto e dietro corrispettivo l’articolo viene ceduto alla rivista” vada meglio esplicitata, perché così come è scritta uno si aspetta che ci sia un contratto vero e proprio da firmare, e relativo compenso, cose che almeno a me non risultano.
Nota bene, non le sto assolutamente reclamando, è solo per chiarezza per coloro che hanno intenzione di inviare articoli.
A me sta bene così, questo è il mio primo articolo e probabilmente ne invierò altri. Mi interessa solo di mantenere il diritto di pubblicare le stesse cose all’estero.
Ho in mente un articolo sul restauro del Thorens TD124 ad esempio, dove in rete c’è una enorme varietà di opinioni, alcune assolutamente da evitare.
Ciao,
Giovanni




marco59
Messaggi: 10762
Iscritto il: lunedì 13 agosto 2007, 7:33
Italy

#27

Messaggio da leggere da marco59 » venerdì 21 dicembre 2018, 21:34

Giovanni,
io non sono un esperto,
penso che un articolo sia composto da due cose: un testo e delle idee (i contenuti). Sono due cose ben diverse: per scrivere l'articolo magari bastano due settimane, per definire e fare il progetto magari servono due anni ( a volte anche di più). Se ti comprano l'articolo ti pagano in base alla lunghezza del testo e al numero di figure/foto (più le spese vive sostenute di viaggio, vitto e alloggio), mica in base agli anni che ci hai lavorato dietro.

Ci sono articoli dove c'è solo il testo (reportage, servizi fotografici, giornalismo, descrizione di visite, notizie). Se vendi il pezzo ad una rivista non puoi rivenderlo ad altra rivista. I soldi che ricevi ti ripagano hotel, taxi, aereo, giornate di lavoro, ristoranti.

Ci sono articoli dove riporti in forma di testo solo le tue idee. In questo caso c'è il testo e le idee.
Ci sono due casi:

A) Se sono idee/progetti che hai maturato al di fuori della rivista (studi per conto tuo non mantenuto dalla rivista) dette idee rimangono tue. La rivista ti compra solo l'articolo, il pdf dell'articolo. Le idee rimangono tue e potresti riportarle/rivenderle ad altre persone, ovviamente con altro testo o in forma verbale. Il pdf dell'articolo rimane invece proprietà della rivista. Un conto è l'articolo, carta, parole, un conto è il contenuto, una soluzione ad un problema, la descrizione di un brevetto, un progetto. Se una rivista pubblica un articolo con gli schemi su un amplificatore Yamaha non è che la rivista diventa proprietaria del relativo progetto.

B) Se invece tu fossi dipendente di una ditta che ti stipendia a tempo pieno per lavorare con lei (e solo con lei), tutto quello che fai sfruttando gli aiuti ricevuti sul posto di lavoro e l'esperienza fatta nel corso del lavoro presso detta ditta allora le idee appartengono alla ditta, un ritorno che serve a ripagare l'investimento di risorse fatto dalla ditta per farti crescere ed imparare.
marco59


marco59
Messaggi: 10762
Iscritto il: lunedì 13 agosto 2007, 7:33
Italy

#28

Messaggio da leggere da marco59 » venerdì 21 dicembre 2018, 22:49

Infine c'è il codice etico. Al giorno d'oggi è quasi più importante di tutto il resto.
Un comportamento eticamente non corretto produce danni (a noi ed agli altri) a cui è difficile porre rimedio.
marco59


12trxb
Messaggi: 93
Iscritto il: mercoledì 10 ottobre 2007, 23:53

#29

Messaggio da leggere da 12trxb » venerdì 21 dicembre 2018, 23:07

Marco, ti ringrazio ma se ho capito bene voglio sottolineare che non ho assolutamente voluto parlare di compensi ecc.
Volevo solo sapere se la proprietà intellettuale passa automaticamente alla rivista (cosa che, se fosse così, andrebbe a mio avviso resa esplicita a tutti).
A me va bene così, volevo solo sapere se potevo inviarlo anche ad una rivista estera, caso mai volessi farlo.
Grazie,
Giovanni


marco59
Messaggi: 10762
Iscritto il: lunedì 13 agosto 2007, 7:33
Italy

#30

Messaggio da leggere da marco59 » venerdì 21 dicembre 2018, 23:20

Ma ti pare che se un qualche progettista dovesse illustrare su una rivista il suo lavoro la rivista ne diventa proprietaria?
Nessuno pubblicherebbe più nulla.
Se fosse un "romanzo" lo capisco: c'è la storia ma è il testo che predomina.
marco59

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#31

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » venerdì 21 dicembre 2018, 23:23

La rivista diventa proprietaria del testo pubblicato ...
quindi è normale che quel testo non si possa ri-pubblicare altrove,
salvo dispensa da parte dell'Editore (che si può sempre chiedere) ...

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


marco59
Messaggi: 10762
Iscritto il: lunedì 13 agosto 2007, 7:33
Italy

#32

Messaggio da leggere da marco59 » venerdì 21 dicembre 2018, 23:33

Esatto: parliamo di "testo pubblicato" ,
non dell'oggetto trattato (una cura, una soluzione, una idea, un metodo, uno schema, ecc.).

Immagina un dottore che pubblica un "suo" lavoro su come lui cura una malattia: la rivista non diventa proprietaria dei diritti di quella cura, diventa proprietaria di quell'articolo, che dunque non può essere inviato ad altri per essere ripubblicato. :D
Quindi quel dottore potrà comunque vendere a chi vuole la sua cura (non l'articolo) senza dover niente alla rivista. Se non fosse così nessuno pubblicherebbe più alcunché.

Certo, se ci sono sponsor che hanno pagato spese e ricerca, mi immagino che le parti in causa abbiano messo nero su bianco le regole del gioco.

In ogni caso, l'etica e la correttezza professionale ci dovrebbero guidare ancora prima che vi siano leggi e contratti a decidere per noi.
marco59

Avatar utente

Topic author
abassanelli
Site Admin
Messaggi: 509
Iscritto il: giovedì 2 agosto 2007, 15:48
Contatta:
Italy

#33

Messaggio da leggere da abassanelli » sabato 22 dicembre 2018, 0:03

Quando mai ho detto che divento proprietario del progetto?!?
Ho detto che è ETICAMENTE non corretto pubblicare una cosa sulla rivista e poi pubblicarla su un’altra rivista in Italia o su un forum sempre in Italia

All’estero potete fare ciò che volete così come pubblichiamo cose dall’estero su autorizzazione degli autori o dei possessori dei diritti
BLU PRESS
Il Direttore
Andrea Bassanelli

Avatar utente

Tiziano58
Messaggi: 135
Iscritto il: martedì 27 novembre 2018, 17:31
Località: Assisi (PG)

#34

Messaggio da leggere da Tiziano58 » sabato 22 dicembre 2018, 10:33

abassanelli ha scritto:
venerdì 21 dicembre 2018, 18:16

La COVER STORY la decido io!
E la decido in base all'interesse che reputo in virtù della storia e dell'autore.

definire la cover di NOVEMBRE un redazionale è OFFENSIVO!
definire la cover di DICEMBRE per una SVISTA di Fabio è OFFENSIVO!

Io ci andrei più cauti altrimenti scattano le ammonizioni...

quanto poi agli articoli degli AUTOCOSTRUTTORI io SONO QUI AD ASPETTARLI A BRACCIA APERTE ma se dovessimo uscire quando li abbiamo usciremmo forse tre volte l'anno...
quindi, anzichè lamentarsi, provate a SCRIVERE o a SPINGERE VOSTRI AMICI A SCRIVERE!

Scrivete e poi lamentatevi... non il contrario.

SPERO DI ESSERE STATO CHIARO!

Chiedo scusa se in qualche maniera ho fatto capire di voler mettere in discussione la capacità del Direttore di scegliere la linea editoriale migliore per la rivista e soprattutto la sua più piena e completa autonomia decisionale, non era assolutamente nelle mie intenzioni.

Ho evidentemente espresso con il tono e la forma sbagliati i miei personali pensieri.

Non ci sarà bisogno di far scattare alcuna ammonizione...
Tiziano Peretti :D

Avatar utente

Topic author
abassanelli
Site Admin
Messaggi: 509
Iscritto il: giovedì 2 agosto 2007, 15:48
Contatta:
Italy

#35

Messaggio da leggere da abassanelli » sabato 22 dicembre 2018, 11:54

Carissimo Tiziano
Io non mi arrabbierò mai se tu o chiunque altro decideste di criticare il MIO operato
È UN VOSTRO SACROSANTO DIRITTO

Divento e diventerò UNA FURIA se qualcuno critica IN MANIERA COSTRUTTIVA i miei collaboratori, specialmente Pierluigi Marzullo che si impegna SENZA TREGUA per aiutarvi.

Quindi criticatemi come e quando volete ma rispettate sempre i collaboratori di CHF!
Loro ci mettono la faccia e solo per questo meritano il vostro rispetto!

Buone feste a lei e ai suoi cari!
Buone feste a tutti voi che ci leggete.
BLU PRESS
Il Direttore
Andrea Bassanelli


Marco Rampin
Messaggi: 24
Iscritto il: martedì 21 febbraio 2017, 9:51
Località: FVG
Contatta:

#36

Messaggio da leggere da Marco Rampin » sabato 22 dicembre 2018, 17:45

Scusate se mi intrometto, ma perche' Shar-Bo afferma "che il tweeter utilizzato non è quello indicato nell'articolo" perche' "Dalle foto si vede benissimo che è stato utilizzato un tweeter diverso" ?

Non essendo un esperto di trasduttori, mi incuriosisce capire quale siano i dettagli che evidenziano questa diversita', perche' io pur guardando
e riguardando le foto non li percepisco.
Qualcuno puo' indicarmeli per cortesia ?

Grazie,
M.R.

Avatar utente

SHAR_BO
Messaggi: 1480
Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2012, 14:11
Località: BOLOGNA

#37

Messaggio da leggere da SHAR_BO » sabato 22 dicembre 2018, 19:24

Giacchè MR me lo chiede, volentieri rispondo.
Il foglio tecnico di Foto 01 illustra un oggetto senza flangia di fissaggio e con un frontale molto ridotto ( 40,5 mm nominali ) su cui c'è posto per le sole 4 viti che tengono assieme il tutto.
Le foto delle casse finite evidenziano un tweeter avente dimensioni maggiori, stimate in 70-80 mm per rapporto spannometrico al diametro di 105 mm del woofer, dotato di flangia di fissaggio su cui spiccano 8 viti, di cui presumibilmente 4 per il fissaggio della flangia al pannello anteriore della cassa.

Stando alle immagini, o è un tweeter diverso o è una elaborazione ( customizzazione ) di cui non si parla nell'articolo.
Adriano Cagnolati


Marco Rampin
Messaggi: 24
Iscritto il: martedì 21 febbraio 2017, 9:51
Località: FVG
Contatta:

#38

Messaggio da leggere da Marco Rampin » sabato 22 dicembre 2018, 21:10

Ohibo'... non vorrei sollevare motivo di imbarazzo, ma a me sembra che in qualche altra foto (non ho ora sottomano la rivista...)
siano ritratte proprio le flange in forma di dischi piani con 4+4 fori di fissaggio.
Sembrerebbe che il tweeter (quello del data sheet) sia avvitato con quattro viti sulla flangia e poi questa sia avvitata con le altre quattro viti sul pannello frontale del diffusore.
Se cosi' fosse, il tweeter dovrebbe essere lo stesso, solo che la flangia di montaggio lo renderebbe differente...

Avatar utente

Topic author
abassanelli
Site Admin
Messaggi: 509
Iscritto il: giovedì 2 agosto 2007, 15:48
Contatta:
Italy

#39

Messaggio da leggere da abassanelli » sabato 22 dicembre 2018, 22:54

Ma il GIOCO non dovrebbe essere quello di sperimentare e di variare rispetto al tema?!?

Vanno bene le critiche ma... dai!!!
BLU PRESS
Il Direttore
Andrea Bassanelli


marco59
Messaggi: 10762
Iscritto il: lunedì 13 agosto 2007, 7:33
Italy

#40

Messaggio da leggere da marco59 » sabato 22 dicembre 2018, 23:33

SHAR_BO ha scritto:
sabato 22 dicembre 2018, 19:24
Giacchè MR me lo chiede, volentieri rispondo.
Il foglio tecnico di Foto 01 illustra un oggetto senza flangia di fissaggio e con un frontale molto ridotto ( 40,5 mm nominali ) su cui c'è posto per le sole 4 viti che tengono assieme il tutto.
Le foto delle casse finite evidenziano un tweeter avente dimensioni maggiori, stimate in 70-80 mm per rapporto spannometrico al diametro di 105 mm del woofer, dotato di flangia di fissaggio su cui spiccano 8 viti, di cui presumibilmente 4 per il fissaggio della flangia al pannello anteriore della cassa.

Stando alle immagini, o è un tweeter diverso o è una elaborazione ( customizzazione ) di cui non si parla nell'articolo.
Marco Rampin ha scritto:
sabato 22 dicembre 2018, 21:10
Ohibo'... non vorrei sollevare motivo di imbarazzo, ma a me sembra che in qualche altra foto (non ho ora sottomano la rivista...)
siano ritratte proprio le flange in forma di dischi piani con 4+4 fori di fissaggio.
Sembrerebbe che il tweeter (quello del data sheet) sia avvitato con quattro viti sulla flangia e poi questa sia avvitata con le altre quattro viti sul pannello frontale del diffusore.
Se cosi' fosse, il tweeter dovrebbe essere lo stesso, solo che la flangia di montaggio lo renderebbe differente...

Molto probabilmente è stata tolta la griglia visibile in Foto 1 (che non sporge dal corpo del tweeter e non consente di fissarlo al pannello del box) ed aggiunta la flangia grigliata che si vede sul diffusore montato.

Non penso che sia acusticamente conveniente aggiungere la flangia grigliata sopra all'altra griglia.

Quindi il tweeter usato è un AMT Mini-8.
marco59

Avatar utente

SHAR_BO
Messaggi: 1480
Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2012, 14:11
Località: BOLOGNA

#41

Messaggio da leggere da SHAR_BO » domenica 23 dicembre 2018, 0:11

marco59 ha scritto:
sabato 22 dicembre 2018, 23:33
Quindi il tweeter usato è un AMT Mini-8.
Abarthizzato.
Ok, tutto chiaro.
Adriano Cagnolati


Marco Rampin
Messaggi: 24
Iscritto il: martedì 21 febbraio 2017, 9:51
Località: FVG
Contatta:

#42

Messaggio da leggere da Marco Rampin » domenica 23 dicembre 2018, 12:28

Mistero chiarito, dunque.

Da parte mia non rimane che augurare a tutti Buone Feste !

M.R.

Avatar utente

accordi
Messaggi: 896
Iscritto il: lunedì 17 maggio 2010, 18:08
Località: centro italia lato mare

#43

Messaggio da leggere da accordi » lunedì 24 dicembre 2018, 11:54

Il tweeter Dayton viene venduto completo di flangia, utilizzabile se necessario, come si evince da siti internazionali che vendono l'oggetto in questione.
Buone feste a tutti.
Bye , Maurizio


zerooffset
Messaggi: 1577
Iscritto il: lunedì 26 ottobre 2009, 12:57

#44

Messaggio da leggere da zerooffset » domenica 30 dicembre 2018, 16:39

abassanelli ha scritto:
martedì 4 dicembre 2018, 12:59
CHF-236-#01.jpgEDITORIALE


...
La community (sempre per usare una terminologia anglosassone) si crea attorno alla RIVISTA e il FORUM può essere utile per snellire alcuni passaggi e riempire i giorni tra una uscita della rivista e l’altra ma tutto poi deve essere riportato alla RIVISTA, visto che la maggior parte dei lettori non legge il FORUM!
...
Cosa significa che nel forum dovrei discutere solo degli articoli che ci sono in rivista?

Avatar utente

Topic author
abassanelli
Site Admin
Messaggi: 509
Iscritto il: giovedì 2 agosto 2007, 15:48
Contatta:
Italy

#45

Messaggio da leggere da abassanelli » domenica 30 dicembre 2018, 16:59

zerooffset ha scritto:
domenica 30 dicembre 2018, 16:39
abassanelli ha scritto:
martedì 4 dicembre 2018, 12:59
CHF-236-#01.jpgEDITORIALE


...
La community (sempre per usare una terminologia anglosassone) si crea attorno alla RIVISTA e il FORUM può essere utile per snellire alcuni passaggi e riempire i giorni tra una uscita della rivista e l’altra ma tutto poi deve essere riportato alla RIVISTA, visto che la maggior parte dei lettori non legge il FORUM!
...
Cosa significa che nel forum dovrei discutere solo degli articoli che ci sono in rivista?
Vuol dire, come ho scritto, che è la rivista il fulcro e non il forum.
Tutto deve essere riportato come logica al cartaceo e il cartaceo è e deve essere il nostro obiettivo.

Hai visto quanti sono i 3D aperti?
sono tutti attinenti alla rivista?

NON MI SEMBRA

Quindi perchè mi si mettono in bocca parole o pensieri che non ho mai proferito?

Pensate a godervi gli ultimi giorni di questo 2018 e avviciniamoci al 2019 con animo sereno!
BLU PRESS
Il Direttore
Andrea Bassanelli


zerooffset
Messaggi: 1577
Iscritto il: lunedì 26 ottobre 2009, 12:57

#46

Messaggio da leggere da zerooffset » lunedì 31 dicembre 2018, 6:10

abassanelli ha scritto:
domenica 30 dicembre 2018, 16:59
Tutto deve essere riportato come logica al cartaceo e il cartaceo è e deve essere il nostro obiettivo.

Hai visto quanti sono i 3D aperti?
sono tutti attinenti alla rivista?

NON MI SEMBRA

Quindi perchè mi si mettono in bocca parole o pensieri che non ho mai proferito?

Pensate a godervi gli ultimi giorni di questo 2018 e avviciniamoci al 2019 con animo sereno!

Scusa, è chiaro che non sono parole scritte da te ma sono io che ho frainteso che le regole possano cambiare.
Grazie per le delucidazioni e con l’occasione Auguri di Felice Anno Nuovo. :D

Avatar utente

Topic author
abassanelli
Site Admin
Messaggi: 509
Iscritto il: giovedì 2 agosto 2007, 15:48
Contatta:
Italy

#47

Messaggio da leggere da abassanelli » mercoledì 2 gennaio 2019, 3:31

zerooffset ha scritto:
lunedì 31 dicembre 2018, 6:10
abassanelli ha scritto:
domenica 30 dicembre 2018, 16:59
Tutto deve essere riportato come logica al cartaceo e il cartaceo è e deve essere il nostro obiettivo.

Hai visto quanti sono i 3D aperti?
sono tutti attinenti alla rivista?

NON MI SEMBRA

Quindi perchè mi si mettono in bocca parole o pensieri che non ho mai proferito?

Pensate a godervi gli ultimi giorni di questo 2018 e avviciniamoci al 2019 con animo sereno!

Scusa, è chiaro che non sono parole scritte da te ma sono io che ho frainteso che le regole possano cambiare.
Grazie per le delucidazioni e con l’occasione Auguri di Felice Anno Nuovo. :D
GRAZIE E BUON ANNO A TE E A TUTTI
BLU PRESS
Il Direttore
Andrea Bassanelli

Rispondi PrecedenteSuccessivo

Torna a “IN EDICOLA”