COSTRUIRE HIFI

Il forum italiano dell'autocostruzione Hi-Fi
Oggi è mercoledì 25 maggio 2016, 12:55

Tutti gli orari sono UTC+02:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 32 messaggi ]  Vai alla pagina 1 2 Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Distorsiometro
MessaggioInviato: mercoledì 7 aprile 2010, 19:11 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 9:43
Messaggi: 1045
Cosa mi consigliate?

E' per me essenziale misurare oltre che a THD e THD+N, anche le singole armoniche con notch sulla fondamentale e la fase.

A) Scheda audio del PC (infrasonic quartet)* + Spectraplus (nota che li possiedo quindi sarebbero a costo 0)
B) Apparecchio stand alone di qualche tipo (accetto consigli, budget entro 1000, nell'usato)

*C) aggiungere una Echo audiofire4, visto che probabilmente lo farò per usare l'ingresso microfono perché quello della Quartet non mi soddisfa neanche un po'.

_________________
"The total harmonic distortion is not a measure of the degree of distastefulness to the listener and it is recommended that its use should be discontinued." D. Masa, 1938


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: mercoledì 7 aprile 2010, 19:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:32
Messaggi: 2610
Località: Boves, CN
io uso scheda esterna con preamplificatore microfonico, microfono, cavetti e come software arta
lo uso in maniera molto ruspante :)

ciao,fabio

_________________
always IMHO :)
Fabio Beraudo


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: mercoledì 7 aprile 2010, 19:47 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 9:43
Messaggi: 1045
fab0 ha scritto:
io uso scheda esterna con preamplificatore microfonico, microfono, cavetti e come software arta
lo uso in maniera molto ruspante :)

ciao,fabio


Forse non mi sono spiegato, non mi serve per i diffusori ma per le elettroniche.

_________________
"The total harmonic distortion is not a measure of the degree of distastefulness to the listener and it is recommended that its use should be discontinued." D. Masa, 1938


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: mercoledì 7 aprile 2010, 20:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:32
Messaggi: 2610
Località: Boves, CN
scheda audio con cavettistica autocostruita può fungere da multimtero, oscilloscopio, volendo anche per misurare distorsioni. dipende dal software

visual analyzer potrebbe esserne un esempio

ciao,fabio

_________________
always IMHO :)
Fabio Beraudo


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: mercoledì 7 aprile 2010, 21:46 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 15:06
Messaggi: 2789
Dipende da quanto comodamente vuoi lavorare, da qusnto in basso vuoi scendere, e da cosa realmente ti interessa.

Un buona scheda ed un buon programma sono di gran lunga l'opzione piu' comoda; non conosco la tua scheda, da quello che leggo e' accreditata di una THD dell'ordine dei -100 dBc, e di una THD+N di ~-90 dBc, il che significa che ragionevolmente non riuscirai a scendere sotto lo 0.003%. Che e' gia' un bell'andare, neh?, ma se ti interessa per caso superare questo limite, o vedere che faccia hanno i residui, allora devi obbligatoriamente dotarti di un notch, che pero' non puo' essere uno dei canonici HP339 o HP8903 o Sound Technology 1710 che si trovano in giro a prezzi piu' o meno ragionevoli - il limite di questi strumenti se ben mi ricordo si aggira esattamente in quell'intorno (un po' di piu', un po' di meno, ma siamo li'): mi sa che ti tocca sperare di incocciare in un AP o uno strumento di classe simile.

Ovviamente puoi considerare l'ipotesi di costruirtelo: con gli opamp disponibili oggi si riescono a fare delle simpatiche cosette, nemmeno troppo terribili se ti concentri su un po' di frequenze e lasci perdere la copertura continua - e' piu' o meno quello che sto facendo io, prima o poi trovero' il tempo di mettervi a parte delle mie elucubrazioni.

Per quanto riguarda la fase delle singole armoniche, non mi ricordo un programma in grado di dirtela - non escludo che ce ne siano, ma minaccia di essere una cosa che devi ricavarti da te a partire dai dati nudi e crudi, avendo magari un po' di dimestichezza con oggetti tipo Matlab.

L.


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: mercoledì 7 aprile 2010, 21:48 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 9:43
Messaggi: 1045
fab0 ha scritto:
scheda audio con cavettistica autocostruita può fungere da multimtero, oscilloscopio, volendo anche per misurare distorsioni. dipende dal software

visual analyzer potrebbe esserne un esempio

ciao,fabio


Spectraplus misura QUASI tutto (vedi sopra ciò che voglio misurare). Il punto è che al di la delle specifiche non mi sembra che la mia scheda audio abbia una distorsione estremamente bassa, e non vedo modo di usare un notch per abbassare la fondamentale.
Per darti un'idea, vedi l'ultimo articolo di Chiappetta sulla controreazione.

_________________
"The total harmonic distortion is not a measure of the degree of distastefulness to the listener and it is recommended that its use should be discontinued." D. Masa, 1938


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: mercoledì 7 aprile 2010, 22:04 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 9:43
Messaggi: 1045
Luka ha scritto:
Un buona scheda ed un buon programma sono di gran lunga l'opzione piu' comoda; non conosco la tua scheda, da quello che leggo e' accreditata di una THD dell'ordine dei -100 dBc, e di una THD+N di ~-90 dBc, il che significa che ragionevolmente non riuscirai a scendere sotto lo 0.003%. Che e' gia' un bell'andare, neh?, ma se ti interessa per caso superare questo limite, o vedere che faccia hanno i residui, allora devi obbligatoriamente dotarti di un notch, che pero' non puo' essere uno dei canonici HP339 o HP8903 o Sound Technology 1710 che si trovano in giro a prezzi piu' o meno ragionevoli - il limite di questi strumenti se ben mi ricordo si aggira esattamente in quell'intorno (un po' di piu', un po' di meno, ma siamo li'): mi sa che ti tocca sperare di incocciare in un AP o uno strumento di classe simile.


Oh, finalmente qualcuno che mi capisce! :)

"analog line input:
THD + N 0.0012 dB % A-weighted (1kHz @ -3dBFS)"
A 0dB probabilmente si siamo a 0.003% come hai scritto tu. A 20khz (che mi interessano MOLTO di più di 1khz) sarà almeno 3 volte tanto arrivando a 0.01% (posso chiedere alla SIMMS il valore reale), che volendo potrei accettare.
Se non che, mi serve anche il notch per isolare le armoniche di alto ordine dal rumore di fondo e non mi pare che nessun software per pc lo faccia.

Cita:
Per quanto riguarda la fase delle singole armoniche, non mi ricordo un programma in grado di dirtela - non escludo che ce ne siano, ma minaccia di essere una cosa che devi ricavarti da te a partire dai dati nudi e crudi, avendo magari un po' di dimestichezza con oggetti tipo Matlab.

L.


No, intendevo la fase complessiva del segnale, credo che non sia difficile da avere.

_________________
"The total harmonic distortion is not a measure of the degree of distastefulness to the listener and it is recommended that its use should be discontinued." D. Masa, 1938


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: mercoledì 7 aprile 2010, 23:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 15:06
Messaggi: 2789
Telstar ha scritto:
Oh, finalmente qualcuno che mi capisce! :)

:wink:

Telstar ha scritto:
A 0dB probabilmente si siamo a 0.003% come hai scritto tu. A 20khz (che mi interessano MOLTO di più di 1khz) sarà almeno 3 volte tanto arrivando a 0.01% (posso chiedere alla SIMMS il valore reale), che volendo potrei accettare.
Se non che, mi serve anche il notch per isolare le armoniche di alto ordine dal rumore di fondo e non mi pare che nessun software per pc lo faccia.


Ahia, se ti interessa andare cosi' in alto allora le cose si complicano pure un po' - ti tocca campionare a 192 kHz, ed al crescere della frequenza di campionamento probabilmente peggiorano sia la distorsione sia il rumore. Per quel che mi ricordo una della versione di WinAudioMLS ti permette di effettuare manipolazoni nel dominio della frequenza implementando filtri di vario tipo, tra cui notch a f/Q variabili; ma se ti interessano principalmente le frequenze molto alte allora limitandosi ad un paio di valori la strada dell'autocostruzione potrebbe essere praticabile - gia' un 5532 a 20 kHz sta sullo 0.0005%, ed un 4562/49720 fa pure meglio (Self dixit, ed io gli credo; senno' e' appena uscito il 49990...): con gli opportuni accorgimenti andare a pescarsi la III armonica dovrebbe essere fattibile, anche se non proprio semplice-semplice.


Telstar ha scritto:
No, intendevo la fase complessiva del segnale, credo che non sia difficile da avere.


No, in effetti non e' difficile - mi chiedevo appunto quale fosse l'interesse per la fase della armoniche... :roll:

L.


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 8:55 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 9:43
Messaggi: 1045
Luka ha scritto:
Ahia, se ti interessa andare cosi' in alto allora le cose si complicano pure un po' - ti tocca campionare a 192 kHz, ed al crescere della frequenza di campionamento probabilmente peggiorano sia la distorsione sia il rumore. Per quel che mi ricordo una della versione di WinAudioMLS ti permette di effettuare manipolazoni nel dominio della frequenza implementando filtri di vario tipo, tra cui notch a f/Q variabili; ma se ti interessano principalmente le frequenze molto alte allora limitandosi ad un paio di valori la strada dell'autocostruzione potrebbe essere praticabile - gia' un 5532 a 20 kHz sta sullo 0.0005%, ed un 4562/49720 fa pure meglio (Self dixit, ed io gli credo; senno' e' appena uscito il 49990...): con gli opportuni accorgimenti andare a pescarsi la III armonica dovrebbe essere fattibile, anche se non proprio semplice-semplice.


Non mi serve salire oltre diciamo 30/40khz, quindi dovrebbe bastarmi campionare a 48/96khz a seconda delle misure. Ma mi serve salire con l'ordine delle armoniche (hmm non è che per questo mi tocca in effetti salire di molto anche con la frequenza? ho il sospetto di si).
Ah, e poi anche la TIM (come ho fatto a dimenticarla? :) ).

Ho dato per curiosità un'occhiata alla EMU 1212M e si comporta decisamente meglio in AD:
"THD+N (1kHz at -1dBFS): -110dB (.0003%)" (contro lo 0.0012% a -3dB della mia quartet)

Of course, no idea a 20khz e 0dB, ma è cmq un ordine di grandezza meglio e l'ADC sembra avere buone performance e non troppo decadenti al salire della frequenza:
http://www.asahi-kasei.co.jp/akm/en/pro ... a_f03e.pdf

Do un'occhiata anche a WinAudioMLS - magari basta.
Si, sulle misure della distorsione Self è affidabile al 100% ;)

_________________
"The total harmonic distortion is not a measure of the degree of distastefulness to the listener and it is recommended that its use should be discontinued." D. Masa, 1938


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 10:08 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 15:06
Messaggi: 2789
Telstar ha scritto:
Non mi serve salire oltre diciamo 30/40khz, quindi dovrebbe bastarmi campionare a 48/96khz a seconda delle misure. Ma mi serve salire con l'ordine delle armoniche (hmm non è che per questo mi tocca in effetti salire di molto anche con la frequenza? ho il sospetto di si).

Esattamente - campionando a 96 vedi solo la II armonica; per arrivare sino alla IV ti tocca salire sino a 192 kHz. Se hai un DSO puoi arrivare piu' o meno dove vuoi, ma in questo caso un notch e' indispensabile, altrimenti con i canonici 8 bit di risoluzione di questi oggetti non vedrai nulla.

Telstar ha scritto:
Ah, e poi anche la TIM (come ho fatto a dimenticarla? :) ).

E qui mi sa che devi farti anche un generatore ad hoc.

Telstar ha scritto:
Ho dato per curiosità un'occhiata alla EMU 1212M e si comporta decisamente meglio in AD:
"THD+N (1kHz at -1dBFS): -110dB (.0003%)" (contro lo 0.0012% a -3dB della mia quartet)

Of course, no idea a 20khz e 0dB, ma è cmq un ordine di grandezza meglio e l'ADC sembra avere buone performance e non troppo decadenti al salire della frequenza:
http://www.asahi-kasei.co.jp/akm/en/pro ... a_f03e.pdf

La EMU0202 se non ricordo male monta gli stessi oggetti, e viene via con ~100 euro - nonostante il case plastico, con un minimo di attenzione a masse e cavi ci si possono fare misure notevoli: fossi in te un pensierino ce lo farei.

L.


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 11:00 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 9:43
Messaggi: 1045
Luka ha scritto:
Esattamente - campionando a 96 vedi solo la II armonica; per arrivare sino alla IV ti tocca salire sino a 192 kHz. Se hai un DSO puoi arrivare piu' o meno dove vuoi, ma in questo caso un notch e' indispensabile, altrimenti con i canonici 8 bit di risoluzione di questi oggetti non vedrai nulla.


Aspetta però. Per fare l'analisi dello spettro armonico mi basta il tono a 1khz, ma voglio salire diciamo fino alla 20a armonica.
A 20khz (e oltre) solitamente c'è solo un aumento proporzionale, quindi mi accontenterei della THD e di II e III armonica.

Cita:
Cita:
Ah, e poi anche la TIM (come ho fatto a dimenticarla? :) ).

E qui mi sa che devi farti anche un generatore ad hoc.


O togliere il contributo della scheda audio confrontando col loopback (il SW mi genera le frequenze giuste per misurare la TIM).

Telstar ha scritto:
La EMU0202 se non ricordo male monta gli stessi oggetti, e viene via con ~100 euro - nonostante il case plastico, con un minimo di attenzione a masse e cavi ci si possono fare misure notevoli: fossi in te un pensierino ce lo farei.
L.


Mi serve il phantom power per il microfono, nonché un pre microfonico di qualità migliore rispetto a quello della mia Quartet. Considerando anche un AD linea decente, la scelta è ristretta tra la EMU 1616M e la Presonus firebox, restando sotto i 400€ (perché almeno altrettanti ne servono per il generatore di onde a bassa distorsione)

Links:
http://www.emu.com/products/product.asp ... ifications
http://www.presonus.com/products/Detail ... roductId=4

Strano che la presonus pur essendo limitata a 96khz di fatto accetta (con poco rolloff) fino a 150khz in ingresso. Il fatto che sia firewire per me è un vantaggio - la mia mobo ha il controller TI e non mi dispiacerebbe usarlo. A parte quello, però la EMU è imbattibile come distorsione.

_________________
"The total harmonic distortion is not a measure of the degree of distastefulness to the listener and it is recommended that its use should be discontinued." D. Masa, 1938


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 11:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 15:06
Messaggi: 2789
Telstar ha scritto:
Aspetta però. Per fare l'analisi dello spettro armonico mi basta il tono a 1khz, ma voglio salire diciamo fino alla 20a armonica.
A 20khz (e oltre) solitamente c'è solo un aumento proporzionale, quindi mi accontenterei della THD e di II e III armonica.


Beh, allora ti bastano si' i 44 kHz - avevo capito che tu volessi misurare la THD a 20 kHz, ed andare quindi a beccarti le armoniche ultrasoniche.]

Telstar ha scritto:
O togliere il contributo della scheda audio confrontando col loopback (il SW mi genera le frequenze giuste per misurare la TIM).


Cioe' ti genera autonomamente la canonica seno+quadra? O cos'altro?

Telstar ha scritto:
Mi serve il phantom power per il microfono, nonché un pre microfonico di qualità migliore rispetto a quello della mia Quartet. Considerando anche un AD linea decente, la scelta è ristretta tra la EMU 1616M e la Presonus firebox, restando sotto i 400€ (perché almeno altrettanti ne servono per il generatore di onde a bassa distorsione)


Calcola che devi prenderne uno con una THD intrinseca almeno di 10 dB inferiore al limite che vorrai raggiungere, anche se a frequenze dell'ordine del kHz te la potresti gia' cavare con segnali generati dalla scheda - da questo punto di vista la EMU e' eccellente (e non ho ragione di pensare che schede della stessa classe non lo siano), anche se un po' rumorosa (certamente piu' di un generatore analogico fatto come si deve). Per curiosita': hai gia' visto qualcosa di interessante? Se si', cosa?

L.


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 12:25 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 29920
Telstar ha scritto:
Aspetta però. Per fare l'analisi dello spettro armonico mi basta il tono a 1khz, ma voglio salire diciamo fino alla 20a armonica.


Non dimenticare IL RUMORE ... :wink:

Cosa devi misurare con tanta precisione?

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 14:13 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 9:43
Messaggi: 1045
Pierluigi Marzullo ha scritto:
Cosa devi misurare con tanta precisione?
:D


L'ampli (o gli ampli) che devo costruire. Al momento mi mancano quasi tutti i pezzi e parte della strumentazione ;)

Sono rimasto molto impressionato dai risultati di Chiappetta su chf n. 51. Ha confermato i miei sospetti che certe armoniche di ordine MOLTO alto si insidiano nei circuiti e che normalmente si confondono col rumore di fondo.

Purtroppo però, come ho scritto altrove, il nostro orecchio è molto bravo a distinguere i suoni dal rumore, fino a -10dB sicuramente, ma io credo anche di più. Ecco l'utilità (enorme IMO) di questo tipo di misure.

_________________
"The total harmonic distortion is not a measure of the degree of distastefulness to the listener and it is recommended that its use should be discontinued." D. Masa, 1938


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 14:25 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 9:43
Messaggi: 1045
Luka ha scritto:
Beh, allora ti bastano si' i 44 kHz - avevo capito che tu volessi misurare la THD a 20 kHz, ed andare quindi a beccarti le armoniche ultrasoniche.

Hmm, chf alla mano, arriverei fino al 24° ordine (non 20°). CMQ con 48khz, o 88 ci sto dentro allegramente.

Cita:
Telstar ha scritto:
O togliere il contributo della scheda audio confrontando col loopback (il SW mi genera le frequenze giuste per misurare la TIM).

Cioe' ti genera autonomamente la canonica seno+quadra? O cos'altro?


http://www.spectraplus.com/ProductOptions.htm
opzioni 3 e 6. Ho già provato ad usare il suo generatore ed è eccellente. Ovviamente il limite con le quadre è la scheda audio, per cui ho in programma di prendere non uno, ma due generatori dedicati, anche uno digitale veloce per le quadre.

Cita:
Calcola che devi prenderne uno con una THD intrinseca almeno di 10 dB inferiore al limite che vorrai raggiungere, anche se a frequenze dell'ordine del kHz te la potresti gia' cavare con segnali generati dalla scheda - da questo punto di vista la EMU e' eccellente


Infatti sono daccordo con te. Non ho trovato un AD migliore come specifiche. Proprio per quel motivo: la THD della EMU è di un ordine sotto a quello che mi interessa misurare (a parte il discorso del notch).

Cita:
(un generatore analogico fatto come si deve). Per curiosita': hai gia' visto qualcosa di interessante? Se si', cosa?


Sì, uno. ti mando i dati in privato - non vorrei che qualcuno dei 50 lettori di questo thread me lo soffiasse ;)

_________________
"The total harmonic distortion is not a measure of the degree of distastefulness to the listener and it is recommended that its use should be discontinued." D. Masa, 1938


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 23:12 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 29920
Telstar ha scritto:
Sì, uno. ti mando i dati in privato - non vorrei che qualcuno dei 50 lettori di questo thread me lo soffiasse ;)


Sarebbe proprio una cattiveria! :lol:

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio: Misura THD con Visual analyzer
MessaggioInviato: martedì 5 giugno 2012, 19:59 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 17:11
Messaggi: 279
Località: prov. Pd
Utilizzo questa discussione per una domanda.

Riguardo l'articolo apparso su chf 156 (Misurarela THD di un amplificatore mediante un pc), gli autori proponevano una semplice scheda di interfaccia, ma senza specificarre quanto è bene sia il valore del potenziometro e del condensatore utilizzati.

Pongo qui la domanda anzichè spedire una mail direttamente agli autori (sperando che siano sintinizzati) perchè penso interessi più di uno che come me vorrebbe provare a fare qualche misura del genere.

Secondo me potrebbe andare bene un pot da 10K a 47K (log o lin?) e un cond. da 3.3 uF. Indovinato?

_________________
- Carmelo -


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: martedì 5 giugno 2012, 20:40 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 29920
Se è il potenziometro che serve a regolare il livello d'ingresso,
il suo valore dipende dall'impedenza d'ingresso della scheda audio

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: martedì 5 giugno 2012, 22:03 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 luglio 2008, 16:45
Messaggi: 11960
Pierluigi Marzullo ha scritto:
Se è il potenziometro che serve a regolare il livello d'ingresso,
il suo valore dipende dall'impedenza d'ingresso della scheda audio

:D


Tipo 10 volte più basso? Allora non più di 5k :mrgreen:

_________________
La sua soddisfazione è il nostro miglior premio!
(Dr. Thomas A.)


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: martedì 5 giugno 2012, 23:24 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 29920
+ o - :D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: domenica 10 giugno 2012, 15:39 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 17:11
Messaggi: 279
Località: prov. Pd
Sto preparando l'interfaccia per la misura della THd (chf 156)

La utilizzerò per effettuare la misura sul mio GY50, in particolare in uscita dallo stadio pre e dal vas, separatamente. In ultimo poi farò la misura sull'ampli completo.

Vista la particolarità che i suddetti stadi valvolari comportano, ho pensato di utilizzare per il potenziometro di regolazione un valore di 22K che permette, con una adeguata resistenza di carico, di settare il carico ottimizzato per la minima thd ma anche di provare con altri valori. All'inizio avevo pensato ad un pot da 1K ma sarebbe un carico di uscita troppo elevato per le valvole.
Se non ho sbagliato i conti, un tale potenziometro comporterebbe una resistenza di uscita di 5,5K per un'attenuazione di 6 dB (punto in cui la suddetta resistenza è massima).
Sperando che la resistenza dell'ingresso di linea della mia scheda audio sia sul valore standard di 47K dovrebbe essere sufficiente, non 10 volte in più ma quasi. Purtroppo la Terratec non dichiara il valore dell'impedenza di ingersso (Rin + Cin) nè ho trovato in rete informazioni a riguardo.

_________________
- Carmelo -


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: domenica 10 giugno 2012, 17:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 15:06
Messaggi: 2789
Se hai un generatore ed un oscilloscopio non ci metti molto a misurare l'impedenza di ingresso - meglio non fidarsi della consuetudini: il pre combo (microfono - linea) della mia EMU e' dichiarato per 1k5 sul mic, 1M sulla linea...

L.


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: domenica 10 giugno 2012, 19:45 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 17:11
Messaggi: 279
Località: prov. Pd
Luka ha scritto:
Se hai un generatore ed un oscilloscopio non ci metti molto a misurare l'impedenza di ingresso - meglio non fidarsi della consuetudini: il pre combo (microfono - linea) della mia EMU e' dichiarato per 1k5 sul mic, 1M sulla linea...

L.


Ho generatore e oscilloscopio ma non so qual è la procedura per misurare l'impedenza di ingresso della scheda audio, me lo potresti spiegare? o mi suggerisci un link dove apprendere il procedimento.
Grazie

_________________
- Carmelo -


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: domenica 10 giugno 2012, 20:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 15:06
Messaggi: 2789
Il metodo piu' semplice e' questo: colleghi il generatore all'ingresso della scheda tramite un potenziometro, e regoli quest'ultimo sino ad ottenere sull'ingresso stesso una tensione pari a meta' della tensione all'uscita del generatore (cioe' a monte del potenziometro) - la resistenza del potenziometro a questo punto e' pari all'impedenza di ingresso della scheda (alla frequenza scelta, che puo' tranquillamente essere dell'ordine del kHz): stacchi, misuri il potenziometro ed hai fatto.

Immagine

Se l'ingresso della scheda ha un'impendenza molto alta e non hai sottomano un pot da un paio di Mohm, puoi cavartela comunque collegando al posto del potenziometro stesso una resistenza di valore noto (da 1 Mohm o giu di li), misurando le tensioni prima e dopo la resistenza, e calcolando quindi la resistenza di ingresso invertendo la solita formula del partitore di tensione: se Rext e' la resistenza di valore noto, allora Rin = Rext * V2 / (V1 - V2) - piu' semplice a farsi che a dirsi :D

L.


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: Distorsiometro
MessaggioInviato: domenica 10 giugno 2012, 21:08 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 17:11
Messaggi: 279
Località: prov. Pd
Luka ha scritto:
Il metodo piu' semplice e' questo: colleghi il generatore all'ingresso della scheda tramite un potenziometro, e regoli quest'ultimo sino ad ottenere sull'ingresso stesso una tensione pari a meta' della tensione all'uscita del generatore (cioe' a monte del potenziometro) - la resistenza del potenziometro a questo punto e' pari all'impedenza di ingresso della scheda (alla frequenza scelta, che puo' tranquillamente essere dell'ordine del kHz): stacchi, misuri il potenziometro ed hai fatto.
....
Se l'ingresso della scheda ha un'impendenza molto alta e non hai sottomano un pot da un paio di Mohm, puoi cavartela comunque collegando al posto del potenziometro stesso una resistenza di valore noto (da 1 Mohm o giu di li), misurando le tensioni prima e dopo la resistenza, e calcolando quindi la resistenza di ingresso invertendo la solita formula del partitore di tensione: se Rext e' la resistenza di valore noto, allora Rin = Rext * V2 / (V1 - V2) - piu' semplice a farsi che a dirsi :D

L.


Gentilissimo, grazie. Leggendo la procedura mi è venuto in mente di averlo già visto, forse su chf stesso.
Cmq, la misura penso sia possibile anche con un buon tester digitale con sufficiente banda passante (casomai si abbassa la freq. di test) e altissima impedenza di ingresso.
Certo che se l'ingresso è ad 1 meg. è più difficle, ma nel mio caso non credo prorpio...
vedremo...
grazie ancora

_________________
- Carmelo -


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 32 messaggi ]  Vai alla pagina 1 2 Prossimo

Tutti gli orari sono UTC+02:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net