Bartolomeo AloiaRichiesta aiuto riparazione finale ST-140.1

Moderatori: abassanelli, Un_Moderatore, Pierluigi Marzullo, marco59


Topic author
pserci
Messaggi: 41
Iscritto il: venerdì 16 aprile 2010, 12:06
Italy

Richiesta aiuto riparazione finale ST-140.1

#1

Messaggio da leggere da pserci » domenica 22 novembre 2015, 18:38

Buonaserata, sto avendo a che fare con il finale in oggetto, al quale ho dovuto sostituire tutta la bancata dei finale TIP73/74. Non essendo più reperibili, ho pensato di sostituirli con la coppia BD911-912.
Sostituiti i finali, tuttavia, ho un comportamento molto strano della polarizzazione, in quanto alimentato con il variac in maniera graduale, fino a raggiungere la tensione di rete, ed al posto dei fusibili di alimentazione resistenze da 10 Ohm, mano a mano che si scalda, aumenta la polarizzazione fino ad un punto che senza controllo porta all'aumento repentino della corrente assorbita ed alla fusione delle resistenze. Al momento non mi azzardo a sostituire le resistenze con i fusibili, perchè inevitabilmente se ne andrebbero a miglior vita i finali. La cosa strana è che a scaldare di più sono solo alcuni dei finali, che ho selezionato per Hfe. Non ho ancora toccato i trimmer di polarizzazione perchè non possiedo lo schema, che ho chiesto ad Aloia per email la scorsa settimana.
Il transistor montato sul dissipatore è funzionante, ovviamente. Senza schema non ho contezza di come funzioni la polarizzazione di questo finale e quindi chiedo in questo forum, sia all'autore quanto a chi ha avuto esperienze di riparazione, su cosa devo concentrarmi, premettendo che tutti i componenti attivi sono perfettamente funzionanti, almeno alle mie prove.
Grazie anticipatamente per le gentili risposte.
Paolo Serci




Sandrelli
Messaggi: 2228
Iscritto il: venerdì 7 marzo 2008, 1:34
Località: BO
Belgium

#2

Messaggio da leggere da Sandrelli » domenica 22 novembre 2015, 19:37

l'etabeta è la versione diy del st140.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


image hosting


Topic author
pserci
Messaggi: 41
Iscritto il: venerdì 16 aprile 2010, 12:06
Italy

#3

Messaggio da leggere da pserci » domenica 22 novembre 2015, 19:59

Grazie infinitamente, mi studio il bollettino e cerco di reperire l'articolo dell'eta beta...


Topic author
pserci
Messaggi: 41
Iscritto il: venerdì 16 aprile 2010, 12:06
Italy

#4

Messaggio da leggere da pserci » mercoledì 6 gennaio 2016, 18:37

Buon pomeriggio, tiro di nuovo su il thread in quanto non sono ancora riuscito a recuperare questo finale. Il problema è su di un canale, l'altro va bene.
Avrei qualche quesito.

Non trovo nello schema riferimento al trimmer da 10 KOhm che Aloia nel suo bollettino dice assolutamente di non toccare. Nella scheda, appunto si trovano due trimmer: uno da 100 Ohm, che dovrebbe essere quello che regola la corrente di riposo e che sebbene al minimo dopo un periodo iniziale schizza a valori pericolosi (tenuti a bada da un variac e da resistenze da 10 Ohm al posto dei fusibili CC di alimentazione). Nel caso il trimmer da 10 K a che funzione assolve? E dove si colloca nello schema che gentilmente mi avete allegato?

Ho appunto sostituito i transistor TIP ormai introvabili con dei BD911 e 912 matchati per Hfe, ovviamente ritengo normale che il match riguardi i rami, in quanto i valori di Hfe sono differenti dal 911 e dal 912, giusto? Ne ho un batch di 50+50 ed il divario tra il P e l'N è abbastanza alto, quindi la selezione è stata fatta per ramo.

Potrebbe essere evidente che va ricalcolata la rete di Vbe multiplier originale, anche se logicamente non dovrebbe, chi mi potrebbe dare una mano a fare troubleshooting di questa rete?

Grazie ancora anticipatamente, mi dispiacerebbe mollare la riparazione di questo glorioso apparecchio.

Saluti a tutti

Paolo


Sandrelli
Messaggi: 2228
Iscritto il: venerdì 7 marzo 2008, 1:34
Località: BO
Belgium

#5

Messaggio da leggere da Sandrelli » mercoledì 6 gennaio 2016, 19:53

Io a quei tempi ne realizzai 2 con componenti "presi dal mucchio"...avevano problemi di stabilità bias e alla fine ho lasciato perdere consapevole del fatto che poteva essere la mancata selezione, ma vedendo che succede anche a altri addirittura sul prodotto commerciale mi sto ricredendo.
-Si legge, dagli scritti di Aloia sulla rivista, che quel progetto doveva avere componenti attivi selezionati e di MARCA tipo Motorola o Fairchild e solo TIP42C/41C :

http://it.rs-online.com/web/c/semicondu ... 5034316326

http://it.rs-online.com/web/c/semicondu ... 5034326326

(da predersi in confezione per produzione = stecca)

-i bd911/912 dalle caratteristiche, non sono tanto compatibili al progetto(forse solo se invece di 4 per rail ne metti 2)
-da allora (eta beta), la vers. commerciale avrà avuto delle evoluzioni quindi non ti so dire dove sia il trimmer da 10K, ma se nel tuo non c'è allora non ci ha da essere.

-controlla e/o sostituisci tutti gli elettrolitici piccoli.

-prova a mettere il bjt che regola il bias vicino ad un finale che scalda di più o addirittura sopra il case plastico (oppure avvitato sotto, se i finali sono sopra ad una L"


Topic author
pserci
Messaggi: 41
Iscritto il: venerdì 16 aprile 2010, 12:06
Italy

#6

Messaggio da leggere da pserci » venerdì 15 gennaio 2016, 23:44

Volevo mettere al corrente che ho trovato la genesi del problema di stabilità dell bias che conduceva alla valanga termica. Come descritto nel mio post precedente avevo sostituito la bancata dei finali con la coppia BD911/912, che secondo quanto ho avuto modo di verificare sono la coppia complementare più vicina alle caratteristiche dei TIP73/74C originariamente installati. La causa del thermal breakdown, e dell'impossibilità di controllarlo era dovuta ad un riscaldamento anomalo dei transistor (sul mio modello Tip41 e 42, sullo schema addirittura indicati come BD149 e 140) che regolano la tensione di alimentazione per lo stadio di ingresso ai 30-0-30. Raffreddando questi ultimi, infatti, la corrente di riposo dei finali si riduceva ed era possibile controllarla previo raffreddamento ripetuto di questi dispositivi. Ho deciso quindi di sostituire anche questi ultimi dispositivi con i BD911/912 molto più robusti. A questo punto i nuovi transistor scaldavano lievemente rimanendo stabili ed era possibile settare la corrente di riposo copiandola e tracciandola per circa 30 minuti, dalla scheda funzionante. Alla fine, la scheda ripristinata ha addirittura un comportamento termico migliore di quella ancora con i componenti originali, che a regime, dopo aver sostenuto potenza massima per qualche minuto, fa rimanere molto caldo il dissipatore, mentre la scheda riparata gradualmente torna a temperatura base.
Spero che questo suggerimento possa anche essere utile per la comunità. Grazie ancora a tutti e saluti

Paolo

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#7

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » sabato 16 gennaio 2016, 7:58

Complimenti per la perseveranza, non era mica una cosa facile ! :D

Immagino che ti riferisci aQ7 e Q13 ....

Grazie per averci messo al corrente del risultato :)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Topic author
pserci
Messaggi: 41
Iscritto il: venerdì 16 aprile 2010, 12:06
Italy

#8

Messaggio da leggere da pserci » sabato 16 gennaio 2016, 13:18

Pierluigi Marzullo ha scritto:Complimenti per la perseveranza, non era mica una cosa facile ! :D

Immagino che ti riferisci aQ7 e Q13 ....

Grazie per averci messo al corrente del risultato :)
Esatto. Più che altro è stato "intuito" anche se ragionevolmente all'inizio non avevo dato tanto peso al riscaldamento di questi due transistor, e nemmeno avevo lasciato in misura la tensione di uscita del regolatore.
Il mettere al corrente è dovere in un forum.


Sandrelli
Messaggi: 2228
Iscritto il: venerdì 7 marzo 2008, 1:34
Località: BO
Belgium

#9

Messaggio da leggere da Sandrelli » sabato 16 gennaio 2016, 13:41

Infatti lo schema che ho inviato contempla la sostituzione dei bd139/140, cmq forse, alettandoli per bene, funzionava meglio...BRAVO! pserci

Rispondi PrecedenteSuccessivo

Torna a “Bartolomeo Aloia”