COSTRUIRE HIFI

Il forum italiano dell'autocostruzione Hi-Fi
Oggi è lunedì 25 luglio 2016, 10:03

Tutti gli orari sono UTC+02:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 25 marzo 2009, 9:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 13 novembre 2008, 11:28
Messaggi: 208
Località: KAUST - Jeddah - SA
Buon giorno,
vorrei avere una consulenza "esplicativa" sul modo di usare il cavo CAT5 per il segnale dall'amplia i diffusori (e anche come cavo interno al box):
io li ho usati, perchè ne ho a disposizione una bobina e perchè mi sembrava ragionevole.
Li ho usati in modo che il segnale positivo e la massa percorressero una stessa coppia e quindi alle estmità ho riunito ciascun + e ciascun - di ogni coppia tra di loro. In questo modo pensavo di utilizzare il cavo con la sua massima reiezione del rumore di modo comune (CMNR). (ho assunto completamente trascurabile l'eventuale ritardo temporale dovuto alla propagazione del campo EM che nasce dal fatto che una delle 4 coppie è attorcigliata in modo + serrato e quindi di lunghezza maggiore)

Ho letto che tale cavo presenta in questo modo circa 50pF metro, e che succede all'induttanza? Diminuisce o aumenta? Forse ho capito male l'ammonimento di Marco, che riporto "Un'ultima cosa sui cavi: non separare i due conduttori (aumenteresti l'induttanza con attenuazione degli acuti) a meno che l'effetto non sia da te voluto (ma quando hai chiuso il box poi non cambi più niente). "
Se ho capito correttamente, Questa Volta, l'uso che ho fatto delle coppie va bene, giusto? MASSIMO CMNR e bassa induttanza.

Un saluto e a presto

ANDREA


Top
   
 Oggetto del messaggio: CAVO CAT. 5
MessaggioInviato: mercoledì 25 marzo 2009, 10:08 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30250
Il cavo di Categoria 5 nasce per la realizzazione di cablaggi strutturati con una lunghezza massima pari a 100 m.

E' progettato per rispondere alle esigenze di trasporto di segnali digitali ad una frequenza massima di 250 Mhz.

Può essere schermato (S) o no (UTP - Unshielded Twisted Pair); i conduttori hanno un intreccio (twist) ogni 1,5-2 cm; il conduttore è solido, con una sezione di AWG 24 (0,2 mmq, con una corrente massima di 0,5 A per conduttore); l'impedenza caratteristica è di 100 ohm.
Mi sembra che queste caratteristiche pongano alcune limitazioni per un'applicazione in Bassa Frequenza.

Per quale motivo si vuole usare un cavo per segnali digitali ad Alta Frequenza in un impianto audio dove la frequenza massima è di 20 kHz?

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 25 marzo 2009, 12:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 13 novembre 2008, 11:28
Messaggi: 208
Località: KAUST - Jeddah - SA
grazie di nuovo, oggi ben due aiuti importatanti,
così è facile andare avanti :) , così sanno tutti, hii hii :lol:

ho pensato al cavo UTP-CAT5 perchè lo avevo a disposizione, perchè mi sembrava che "intrecciato" fosse sinonimo di schermaggio ai disturbi elettromagnetici e non per ultimo perchè lo avrei usato per le FE206E (30W rms) per cui 2A max per i 4 fili da 0.2mmq mi sembravano ampiamente sufficienti alla tensione tipica dell'ampli. Per quanto riguarda l'impedenza caratteristica cui ti riferisci di 100 Ohm mi immagino valga a alta frequenza oltre il MHz, non certo in bassa frequenza, o mi sbaglio?.

Ad ogni modo se secondo te è meglio una coppia di fili di sezione 1-2mmq li prendo e li uso senza problemi, non ho pregiudizi, forse dovrei rileggere l'articolo sulla "riflettrometria" (credo di dica così) dei cavi apparso su CHF qualche tempo fa.
Per le Jordan The Wall ho usato la piattina nera-rossa da 1mmq da elettricista, mi dovrei vergognare? dovrei cambiarli?
Ho anche questi cavi ma non li ho mai usati, per or faccio delle prove con i cavi "volanti".
Ti saluto e ti ringrazio di nuovo.
Andrea

Immagine


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 25 marzo 2009, 13:33 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 22 agosto 2007, 14:05
Messaggi: 3030
Località: Parma
I cavi sono la cosa più sogettiva che esista, alcuni sentono differenze altri no e, non credo esista tipo di misura che possa confermare o smentire, la differenza tra un cavo e un altro, a frequenze audio.
Fai delle prove, quello che ti piace usi, consigliarti un cavo o, un altro, per me è un errore, essendo troppo sogettiva la scelta.
ciao ciao


Top
   
 Oggetto del messaggio: CAVI UTP per ALTOPARLANTI
MessaggioInviato: venerdì 10 aprile 2009, 12:01 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30250
Facendo i migliori auguri al nostro amico dell'Aquila, vorrei dare una risposta almeno per i cavi UTP.


Questi cavi di Cat.5, 5e, 6, 6e, 7, UTP. STP, FTP, SFTP e chi più ne ha più ne metta, hanno caratteristiche garantite e certificate a frequenze molto alte (100-600 MHz).

Non vi sono molte informazioni sul loro comportamento in bassa frequenza, salvo che il cavo è progettato per l'ALTA FREQUENZA, quindi ...

:D


Vi è inoltre una caratteristica che rende tali cavi INIDONEI all'uso per il collegamento esterno dei sistemi di altoparlanti, in quanto sono fatti in rame SOLIDO (NON TREFOLATO), che lo rende adatto alla sola POSA FISSA.

Ho visto che alcuni utilizzano le coppie UTP per il cablaggio interno di amplificatori e PRE, ma non l'ho mai fatto, per cui non saprei se vi sono controindicazioni.

Ma dubito che sia migliore di un cavetto TEFZEL ...

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 10 aprile 2009, 15:27 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 20:37
Messaggi: 74
Località: Frascati (RM)
Cita:
Per quale motivo si vuole usare un cavo per segnali digitali ad Alta Frequenza in un impianto audio dove la frequenza massima è di 20 kHz?

Salve quale cavo consigli tu, o cosa usi.
Io ho realizzato dei cavi con il suddetto cavo ethernet e devo dire
che la cosa che influisce tantissimo sono le banane di connessione
Salve Sergio


Top
   
 Oggetto del messaggio: CONSIGLI CAVO
MessaggioInviato: venerdì 10 aprile 2009, 15:38 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30250
Io ritengo più importante una sezione adeguata all'uso, ed una composizione del cavo adatta all'uso a cui è destinato.

D'altronde un minimo di riflessione progettuale su quale cavo utilizzare andrebbe sempre fatta.

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 10 aprile 2009, 23:15 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 13 agosto 2007, 7:33
Messaggi: 6683
Tanto più l'impedenza della cassa si fa fortemente variabile (se presenta dei picchi o dei minimi), tanto più un cavo può dare risultati evidenti della sua presenza.

Se ne deduce che alcuni diffusori sono considerati "difficili" perchè molto sensibili (modificano le proprie prestazioni) a cavi ed amplificatori.

Ciao a tutti

_________________
marco59


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: CAVI UTP per ALTOPARLANTI
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 0:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 gennaio 2009, 23:03
Messaggi: 534
p.marzullo ha scritto:


Vi è inoltre una caratteristica che rende tali cavi INIDONEI all'uso per il collegamento esterno dei sistemi di altoparlanti, in quanto sono fatti in rame SOLIDO (NON TREFOLATO), che lo rende adatto alla sola POSA FISSA.


:D


Esistono anche in rame trefolato, come tu lo chiami, vedasi patch-cord, per tutto il resto sono d'accordo con te.

_________________
....non esistono discepoli incapaci di apprendere, ma solo maestri incapaci di insegnare...

Franco


Top
   
 Oggetto del messaggio: PATCH CORD
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 8:11 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30250
Le patch cord hanno i trefoli avvolti su un suppporto di filati aramidici che sono connettorizzabili solamente con sistemi a perforazione di isolante.

Quindi le puoi terminare solo con gli appositi connettori RJ45 da patch cord (che sono appunto diversi da quelli per cavo rigido).

Inoltre in alcuni casi la resistenza del cavo è anche superiore (di solito il cavo patch è AWG26).

Siccome i miei altoparlanti NON lavorano a 600 MHz, e nemmeno a 100 MHz, uso normali cavi trefolati, di idonea sezione, che è la cosa più importante.

Quanti cavi da patch cord devi paralellare per ottenere una sezione di 6 mmq?

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: PATCH CORD
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 8:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 gennaio 2009, 23:03
Messaggi: 534
p.marzullo ha scritto:
Le patch cord hanno i trefoli avvolti su un suppporto di filati aramidici che sono connettorizzabili solamente con sistemi a perforazione di isolante.

Quindi le puoi terminare solo con gli appositi connettori RJ45 da patch cord (che sono appunto diversi da quelli per cavo rigido).

Inoltre in alcuni casi la resistenza del cavo è anche superiore (di solito il cavo patch è AWG26).

Siccome i miei altoparlanti NON lavorano a 600 MHz, e nemmeno a 100 MHz, uso normali cavi trefolati, di idonea sezione, che è la cosa più importante.

Quanti cavi da patch cord devi paralellare per ottenere una sezione di 6 mmq?

:D


Guarda che ho scritto che "per tutto il resto sono d' accordo con te".

Se anche chi vende quei maledetti connettori sapesse le differenze non mi troverei, spesso e volentieri in cantiere a bestemmiare perchè l' antenna mi da "no link" causa connettori RJ45 sbagliati!!! :evil: :evil:

:D :D

_________________
....non esistono discepoli incapaci di apprendere, ma solo maestri incapaci di insegnare...

Franco


Top
   
 Oggetto del messaggio: CAVO SPEAKERS ESOTERICO
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 9:14 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30250
Beh, ma sul patch cable non mi sembravi d'accordo! :lol:


Scherzo, non ce l'ho con te, ma sono sicuro che ci sarà più di uno che starà già pensando di realizzare un bel cavo esoterico per collegare le casse, con trenta cavetti patch.

Non dimentichiamo che non esiste solo l'induttanza, ma anche l'accoppiamento capacitivo tra i cavi; ho molti dubbi sul comportamento di un siffatto cavo ... :?


Ma, se qualcuno ha fatto le prove, questo è il posto giusto per rendere noti i risultati!

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio: Re: CAVO SPEAKERS ESOTERICO
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 9:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 gennaio 2009, 23:03
Messaggi: 534
p.marzullo ha scritto:
Beh, ma sul patch cable non mi sembravi d'accordo! :lol:


:D


Con te sono sempre d' accordo!!! :lol: :lol:

La mia era solo per rendere noto, dopo di che se uno vuole sperimentere a proprie spese, perche no!!
Posso sempre vendergli una bella matassa (305mt) di cavo UTP cat5 morbido come cavo esoterico a 25€ al metro
prezzo di favore per forumendoli!!!! :D :D

_________________
....non esistono discepoli incapaci di apprendere, ma solo maestri incapaci di insegnare...

Franco


Top
   
 Oggetto del messaggio: CAVO ESOTERICO
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 9:34 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30250
C'E' POCO DA RIDERE, PERCHE' SONO SICURO CHE A QUALCUNO GLI RIESCE !!!!!

:( :lol:

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 10:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:21
Messaggi: 788
Località: genova
marco-64 ha scritto:
I cavi sono la cosa più sogettiva che esista, alcuni sentono differenze altri no e, non credo esista tipo di misura che possa confermare o smentire, la differenza tra un cavo e un altro, a frequenze audio.
Fai delle prove, quello che ti piace usi, consigliarti un cavo o, un altro, per me è un errore, essendo troppo sogettiva la scelta.
ciao ciao

Una delle posizioni più equilibrate e realistiche mai lette sui cavi.
in effetti l'unica cosa è sperimentare e sperimentare,ma solo a condizione che si sentano le differenze,che sembra a tal proposito le orecchie abbiano preso proprio due strade evolutive distinte e separate.Io appartengo purtroppo al ramo sensitivo,quello a cui i cavi danno un effetto allucinogeno.
Secondo me il cablaggio di un impianto và affrontato in modo globale.Un giudizio sul cavo di potenza slegato da quello del cavo di segnale e in genere dei cavi usati per il cablaggio interno è fuorviante.
Il fatto poi che il cavo è l'unico elemento dell'impianto che si ripete più volte,a monte e a valle,all'interno e all'esterno dei componenti,nell'impianto permette sperimentazioni strutturate.
Il fatto che non esistano misure adeguate per i cavi e/o la loro natura strutturalmente semplice se paragonata agli altri componenti fa si che la sua importanza venga ritenuta secondaria.In effetti per una buona sinergia ogni componente và considerato importante a priori,nessuno escluso.
Secondo mè un buon sistema per risolvere il problema dei cavi,soprattutto per chi sperimenta e costruisce componenti hi fi,è quello di portare avanti il lavoro solo dopo aver deciso uno standard ,anche solo personale ,sui cavi.Sperimentando quindi sempre con quei cavi,la sinergia è garantita.Naturalmente per ciò si dovrà accettare a priori un collo di bottiglia,il cavo scelto,sostanzialmente di natura ignota.Si può ad esempio decidere l'uso della piattina rossa e nera e l'uso dei classici cavi coassiali neri,che una volta costituivano uno standard non dichiarato,ma di fatto,e che non a caso non davano nessun problema di interfacciamento.
Ciao,Sebastiano.

_________________
Semplificare non è semplice,ma vale come capire.


Top
   
 Oggetto del messaggio: MISURE DI CARATTERIZZAZIONE DEI CAVI
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 11:23 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30250
iano ha scritto:
... Il fatto che non esistano misure adeguate per i cavi e/o la loro natura strutturalmente semplice se paragonata agli altri componenti fa si che la sua importanza venga ritenuta secondaria.In effetti per una buona sinergia ogni componente và considerato importante a priori,nessuno escluso.


Il fatto è che esistono TUTTE le misure per caratterizzare i parametri di un cavo.

Forse non esistono le misure per correlare dei parametri tecnici oggettivi a impressioni soggettive d'ascolto ...

Le misure costituiscono degli standard riconosciuti internazionalmente, indipendentemente da razza, credo, convinzioni tecniche, religiose, etc. in quanto chiunque può ripetere la stessa misura, anche in luoghi e tempi diversi, ed ottenere esattamente gli stessi risultati.

Puoi dire lo stesso di una valutazione ad orecchio di un cavo?

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 12:18 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 20:37
Messaggi: 74
Località: Frascati (RM)
Cita:
Siccome i miei altoparlanti NON lavorano a 600 MHz, e nemmeno a 100 MHz, uso normali cavi trefolati, di idonea sezione, che è la cosa più importante.

Quanti cavi da patch cord devi paralellare per ottenere una sezione di 6 mmq?


Salve puoi fare qualche esempio di cavo che usi, in base alla tua esperienza,
cosi che possa fare dei confronti con i miei cavi fatti con 3 cavi UTP,
certo non devono costare una fortuna.
La potenza che uso è sui 30-40 watt max ho delle clone rogers.
Facendo due calcoli penso che 6mm siano troppi per quelle potenze.
Salve Sergio


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 13:41 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 22 agosto 2007, 14:05
Messaggi: 3030
Località: Parma
prova la classica cordina da elettricista, potresti avere delle piacevoli sorprese :wink: sopratutto per il portafoglio.
ciao ciao


Top
   
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 14:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:21
Messaggi: 788
Località: genova
p.marzullo ha scritto:
iano ha scritto:
... Il fatto che non esistano misure adeguate per i cavi e/o la loro natura strutturalmente semplice se paragonata agli altri componenti fa si che la sua importanza venga ritenuta secondaria.In effetti per una buona sinergia ogni componente và considerato importante a priori,nessuno escluso.


Il fatto è che esistono TUTTE le misure per caratterizzare i parametri di un cavo.

Forse non esistono le misure per correlare dei parametri tecnici oggettivi a impressioni soggettive d'ascolto ...

Le misure costituiscono degli standard riconosciuti internazionalmente, indipendentemente da razza, credo, convinzioni tecniche, religiose, etc. in quanto chiunque può ripetere la stessa misura, anche in luoghi e tempi diversi, ed ottenere esattamente gli stessi risultati.

Puoi dire lo stesso di una valutazione ad orecchio di un cavo?

:D

No Marzullo,non posso dirlo. Il problema però scompare nella misura in cui la sperimentazione è rivolta all'ottenimento di una soddisfazione personale.Si tratta di un ripiegamento su se stessi non desiderabile in genere,ma che sarebbe assurdo escludere a priori soprattutto se si considera la natura peculiare del nostro hobby.
Tuttavia il motivo che ho portato a giustificazione del perchè una volta non esisteva il problema del cavo mi sembra un buon dato di fatto.Cosa ne pensi?
Ciao,Sebastiano.

_________________
Semplificare non è semplice,ma vale come capire.


Top
   
 Oggetto del messaggio: ESEMPI DI CAVI PER ALTOPARLANTI
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 16:03 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30250
Green Marlin ha scritto:
Salve puoi fare qualche esempio di cavo che usi, in base alla tua esperienza,
cosi che possa fare dei confronti con i miei cavi fatti con 3 cavi UTP,
certo non devono costare una fortuna.
La potenza che uso è sui 30-40 watt max ho delle clone rogers.
Facendo due calcoli penso che 6mm siano troppi per quelle potenze.
Salve Sergio


Dipende innanzitutto dalla distanza degli altoparlanti, e dalla loro potenza (in particolare dalla corrente massima che dovrà scorrere nei cavi).

Poi, se capiterà di provare altri altoparlanti ed altri amplificatori (vorrai mica cambiarli ogni volta!) :wink:


Normalmente si considera una densità di corrente di 2-3 A/mmq, o anche minore; il secondo parametro è la resistenza del cavo (andata e ritorno), che è di 19 mohm/mmq, e che deve essere trascurabile rispetto all'impedenza dell'altoparlante (1/100):

es. 5 metri x 2 x 0,019 = 0,2 ohm che sono tantini per un altoparlante da 4 ohm;

se la potenza è di 100W, Vrms=20 --> i = 5 A, quindi, per una densità di corrente di 2 A ci vogliono almeno 2,5 mmq.

Variando la potenza varierà la sezione minima, ma, dato il basso costo del cavo (da elettricista) si può largheggiare con la sezione in modo da non pensarci più.

Puoi usare due normalissimi conduttori della sezione prescelta, blandamente attorcigliati tra loro, in modo che non si aprano (cosa da evitare perché aumenta l'induttanza e la captazione di campo E/M.

Alcuni utilizzano cavo quadripolare già provvisto di guaina, e poi parallelano due conduttori; questo è molto comodo, anche se un po' più costoso.

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
MessaggioInviato: sabato 11 aprile 2009, 16:24 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Messaggi: 30250
iano ha scritto:
p.marzullo ha scritto:
iano ha scritto:
... Il fatto che non esistano misure adeguate per i cavi e/o la loro natura strutturalmente semplice se paragonata agli altri componenti fa si che la sua importanza venga ritenuta secondaria.In effetti per una buona sinergia ogni componente và considerato importante a priori,nessuno escluso.


Il fatto è che esistono TUTTE le misure per caratterizzare i parametri di un cavo.

Forse non esistono le misure per correlare dei parametri tecnici oggettivi a impressioni soggettive d'ascolto ...

Le misure costituiscono degli standard riconosciuti internazionalmente, indipendentemente da razza, credo, convinzioni tecniche, religiose, etc. in quanto chiunque può ripetere la stessa misura, anche in luoghi e tempi diversi, ed ottenere esattamente gli stessi risultati.

Puoi dire lo stesso di una valutazione ad orecchio di un cavo?

:D

No Marzullo,non posso dirlo. Il problema però scompare nella misura in cui la sperimentazione è rivolta all'ottenimento di una soddisfazione personale.
Si tratta di un ripiegamento su se stessi non desiderabile in genere,ma che sarebbe assurdo escludere a priori soprattutto se si considera la natura peculiare del nostro hobby.
Tuttavia il motivo che ho portato a giustificazione del perchè una volta non esisteva il problema del cavo mi sembra un buon dato di fatto.
Cosa ne pensi?
Ciao,Sebastiano.


La tua posizione mi sembra estremamente corretta.

Si possono verificare innumerevoli situazioni in cui il cavo fa sentire alcune sue caratteristiche, specie se queste non sono adatte all’interfacciamento che si vuole realizzare.
Anche in questo caso, il cavo migliore è quello che non si fa sentire ! :shock:

Sistemi di elevatissima qualità e definizione possono evidenziare anche sottili differenze tra diversi tipi di cavo.
Differenze, che con un po’ di pazienza (e voglio) possono anche essere misurate.

Di qui a correggere una leggera enfasi sugli acuti con un cavetto da 4.742,oo euri mi sembra un po’ eccessivo (nel caso, io ho ancora il controllo dei toni sul pre :mrgreen: ) …

Come dici tu, partendo da una configurazione standardizzata e tecnicamente ineccepibile (cioè con l’utilizzo di cavi correttamente dimensionati ed adatti all’interfacciamento da realizzare) si costituisce un buon punto di riferimento, dal quale sarà difficile che emergano problematiche, ed è una base per provare ad effettuare confronti più affidabili.

Tieni presente le difficoltà di ottenere risultati oggettivi con un test A/B (v. 3d ABX).

:D

_________________
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC+02:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net