OFF TOPICspot welder per pile al litio

Per gli argomenti di carattere TECNICO non compresi nei precedenti Forum. ma sempre attinenti all'AUTOCOSTRUZIONE di apparecchiature Hi-Fi, misure, ascolto, etc.
Non sono ammessi argomenti non pertinenti quali attualità, costume, opinione etc. (di solito degenerano) quindi si prega di astenersi e postarli in altri Forum più pertinenti.

Moderatori: Fran65, pergo, abassanelli, Un_Moderatore, Pierluigi Marzullo, marco59

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

spot welder per pile al litio

#1

Messaggio da leggere da andrea1972 » mercoledì 5 giugno 2019, 12:07

salve a tutti, c'è qualcuno che si cimenta per hobbie con pile al litio, che si autocostruisce pacchi batterie ecc ecc... e che usa quindi saldare le varie celle? in rete ho visto che il modo più sicuro per non danneggiare le litio sia lo spot welder, a saldare con lo stagno non penso sia molto sicuro.
di spot welder ce ne sono di produzione cinese che non costano molto ma neanche poco, io dovrei sostituire alcuni pacchi batterie di avvitatori che ormai sono alla frutta, la spesa per 4-5 pacchi batt. non vale la candela.
questi pacchi batt. che possiedo montano pile 18650 e la convenienza sostituendole da solo, è abbastanza.
in rete si vedono pure esempi di autocostruzione di spot welder con un semplice trasformatore di micro onde di recupero. costo bassissimo. ma con la corrente se non si è sicuri al 100% di quello che si fa è meglio non rischiare.
oppure kit con scheda elettronica arduino collegata ad una semplice batteria al piombo.

grazie




marco-64
Messaggi: 3323
Iscritto il: mercoledì 22 agosto 2007, 14:05
Località: Parma
Italy

#2

Messaggio da leggere da marco-64 » mercoledì 5 giugno 2019, 13:16

Io mi cimento con le batterie sia lipo che life,
generalmente compro pacchi gia assemblati perchè non ho problemi di ingombri,
alcuni tipi di celle sono collegate con dei bulloncini M5,
le 18650 se non ricordono male esistono sia col bulloncino/vite che con le linguette a saldare,
il problema con tutti i tipi di patterie al litio è il bilanciamento delle celle che ne allunga notevolmente la vita, se riesci inserisci sempre dei BMS o usa caricabatterie col collegamento per il bilanciamento,
non ho saldatrici a punti e le poche volte che ho saldato delle celle, ho saldato solo le linguette tra di loro a stagno (Weller da 100 Watt a 220VAC) avendo poi cura di isolare il tutto molto bene.
ciao
Marco
Immagine
"Non condivido la tua idea ma combatterò perchè tu la possa esprimere"
Voltaire

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

#3

Messaggio da leggere da andrea1972 » mercoledì 5 giugno 2019, 19:19

grazie marco della risposta, i pacchi batterie degli avvitatori hanno al loro interno già una scheda di controllo, di quello non c'è problema. sulle 18650 non credo ci siano tutte le marche che producano con le linguette. per gli avvitatori ho studiato un pò, e ci vanno determinate batterie con non elevata capacità e con un elevata discarica per dare potenza istantanea all'avvitatore.
la mia era più che altro una curiosità di vedere se c'era qualcuno che si era cimentato nell'autocostruzione con trasformatori di uno spot welder.
ci sono kit su bangood di schede di controllo elettroniche da pochi euri, che riescono a controllare lìimpulso e l'intensità della corrente proveniente dal trasformatore che può essere di recupero. con pochi euro si potrebbe costruire una spot welder.
c'è anche un kit basata su elettronica arduino, ma siamo già su un centinaio di euri, che collegata ad una normale batt. per auto o ad un pacco batteria al litio, si trasforma in una spot welder.

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#4

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » mercoledì 5 giugno 2019, 21:21

Le 18650 si saldano facilemente, specie il positivo - ma fai veloce ! ;)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

#5

Messaggio da leggere da andrea1972 » giovedì 6 giugno 2019, 12:12

Pierluigi Marzullo ha scritto:
mercoledì 5 giugno 2019, 21:21
Le 18650 si saldano facilemente, specie il positivo - ma fai veloce ! ;)
ciao Pier, ho visto qualche video, ci vorrebbe un saldatore con punta grossa, molto grossa e a manetta, tenere al max 3-4 secondi. però la batteria si scalda ugualmente più che con una scarica di qualche millisecondo. son tutte seghe mentali? ho pure letto che con le litio non si scherza molto, tendono ad esplodere facilmente.


che ne dici di una schedina ed un trasformatore tolto il secondario?
https://it.banggood.com/100A-LCD-Displa ... rehouse=CN


P.s. a qualcuno: deve liberarsi di un microonde che deve portare in discarica? :D


p.s.s. passo un giorno a trovarti? che non sia sabato e domenica che col bel tempo son al mare?

Avatar utente

SHAR_BO
Messaggi: 1480
Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2012, 14:11
Località: BOLOGNA

#6

Messaggio da leggere da SHAR_BO » giovedì 6 giugno 2019, 12:30

SEMPRE
quando si salda a stagno è importante che le superfici siano perfettamente libere da sporcizia ed ossidi.
Quando devo saldare ( a stagno ) qualche oggetto che non sia per uso elettronico - fatto quindi di materiale idoneo - quali viti o, perlappunto, batterie a stilo, rinfresco la superficie con lo smeriglio, o una piccola mola a mano o semplicemente la tela abrasiva fino a portare a nudo il metallo vivo bello lucente.
A questo punto appoggio fortemente DI PIATTO la punta del saldatore ( Weller da 50W con punta gradazione 7 ) e dopo pochi secondi comincio ad applicare lo stagno.
Attenzione:
non sulla punta del saldatore ma nella giunzione tra questa e la superficie da stagnare.
Normalmente occorre una decina di secondi in tutto e non ho mai rotto alcunchè.
Una volta imbiancato il pezzo, quando raffreddato è poi facile applicare un eventuale conduttore o quant'altro.
Adriano Cagnolati


Sandrelli
Messaggi: 2228
Iscritto il: venerdì 7 marzo 2008, 1:34
Località: BO
Belgium

#7

Messaggio da leggere da Sandrelli » giovedì 6 giugno 2019, 13:37

qui (dal minuto 8 ) illustra e poi salderà un pacco di stilo ricaricabili...
https://www.youtube.com/watch?v=nLWVTFj_Yik

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#8

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » giovedì 6 giugno 2019, 23:24

andrea1972 ha scritto:
giovedì 6 giugno 2019, 12:12
Pierluigi Marzullo ha scritto:
mercoledì 5 giugno 2019, 21:21
Le 18650 si saldano facilmente, specie il positivo - ma fai veloce ! ;)
ciao Pier, ho visto qualche video, ci vorrebbe un saldatore con punta grossa, molto grossa e a manetta, tenere al max 3-4 secondi. però la batteria si scalda ugualmente più che con una scarica di qualche millisecondo. son tutte seghe mentali? ho pure letto che con le litio non si scherza molto, tendono ad esplodere facilmente.


che ne dici di una schedina ed un trasformatore tolto il secondario?
https://it.banggood.com/100A-LCD-Displa ... rehouse=CN


P.s. a qualcuno: deve liberarsi di un microonde che deve portare in discarica? :D


p.s.s. passo un giorno a trovarti? che non sia sabato e domenica che col bel tempo son al mare?
Io l'ho sempre fatto col saldatore da 25W, avendo cura di scartavetrare il negativo (il positivo non dà problemi), usare un po' di pastasalda, e non indugiare troppo col saldatore, e ancora vanno (v. il post di Shar-Bo) ;
certo non ne ho una quantità industriale, in tal caso è meglio attrezzarsi adeguatamente.

Il microonde va in discarica, perché un componente è leggermente ionizzante.

Per il resto, ti aspetto ! (Hai un PM)

:)


P.S.
Mi sono sempre domandato se 50-100.000 uF belli carichi ce la fanno a fare uno spot welding ! ;)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

#9

Messaggio da leggere da andrea1972 » venerdì 7 giugno 2019, 9:36

si si, per le tecniche suggerite da shar-bo e sandrelli, le avevo viste sul tubo, fanno un pò tutti così, chi non ha lo spot welder. interessante passare uno straccio umido per raffreddare. vediamo se riesco a trovare un video dove si misura con misuratore ad infrarossi la temperatura e velocità di dissiparetura tra saldatura a stagno e a punti.

intanto ordino le pile poi vediamo, ho recuperato una batteria per auto che il meccanico buttava. ha un voltaggio di 12,50V non so se possa tornare utile in lab. vediamo.....
c'è questo kit che funziona con una batt. auto, costa abbastanza:
https://malectrics.eu/product/diy-ardui ... lt-kit-v3/

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

#10

Messaggio da leggere da andrea1972 » venerdì 7 giugno 2019, 9:45

p.s. sempre parlando di batterie, 2 giorni fa sono rimasto a piedi con la batt dell'auto. ho provato a fare ponte con dei cavi da 4 soldi regalatomi, non sono riuscito manco ad accendere il quadro. è venuto il mio meccanico e con un booster se l'è portata via. batt. finita. cambiata 3,5 fa. gli ho chiesto come è possibile che sia durata così poco, visto che quella di primo equipaggiamento m'è durata quasi 10 anni. mi ha detto che mediamente durano così. boh. vi risulta? 150 euro ogni 3 anni mi sembra un pò troppo.
avete per caso una ricetta che ne faccia allungare la vita? oltre a comprare dei cavi ponte seri?

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#11

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » venerdì 7 giugno 2019, 13:02

Capita con le batterie comprate ai Centri Commerciali - anche se di marca ... ;)

Gli elettrauto seri hanno anche l'apparecchio per fare il test della batteria sotto carico,
e ti può dire lo stato della tua.
A me era capitata una nuova che era scarsa da subito - l'ho cambiata in garanzia, la seconda, fortunatamente, è andata bene

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


marco-64
Messaggi: 3323
Iscritto il: mercoledì 22 agosto 2007, 14:05
Località: Parma
Italy

#12

Messaggio da leggere da marco-64 » venerdì 7 giugno 2019, 13:05

Immagine
"Non condivido la tua idea ma combatterò perchè tu la possa esprimere"
Voltaire


marco-64
Messaggi: 3323
Iscritto il: mercoledì 22 agosto 2007, 14:05
Località: Parma
Italy

#13

Messaggio da leggere da marco-64 » venerdì 7 giugno 2019, 13:08

Mi era capitato con la batteria dello scooter,
comprata da un certo elettrauto mi duravano max 1 anno 1 anno e mezzo,
cambiato fornitore sono 5 o 6 anni che non la cambio,
quando dovro cambiare questa probabilmento metterò delle batterie Lifepo4.
ciao Marco
Immagine
"Non condivido la tua idea ma combatterò perchè tu la possa esprimere"
Voltaire

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#14

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » venerdì 7 giugno 2019, 13:11

marco-64 ha scritto:
venerdì 7 giugno 2019, 13:05
Io avrei provato questo:
https://it.aliexpress.com/item/SUNKKO-7 ... 9e5d0eec-1
Bellissimo, questo !

Andrea, se lo prendi poi vengo da te a saldare le mie batterie ! :D
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

#15

Messaggio da leggere da andrea1972 » sabato 8 giugno 2019, 9:39

AVEVO visto lo spot welder SUNKKO
60 euro piu 50 di spedizioni, costa come su bangood:
https://www.banggood.com/SUNKKO-737G-22 ... rehouse=CN
è il modello base base, quello più interessante e prestazionale è il mod.709 ma costa quasi il doppio.
questi aggeggi non sono altro che un trasformatore pari pari a quelli dei microonde con scheda elettronica annessa.


con la scheda elettronica che prendo io, se qualcuno si libera di un trasformatore, aggiungiamo le competenze in elettronica di Pierluigi :D e salta fuori un signor spot welder dei poveri :lol: d'altro canto questo non è un forum di autocostruzione?

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#16

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » sabato 8 giugno 2019, 10:35

Sicuro ! :mrgreen:

Che trasformatore serve ?

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Avatar utente

Tiziano58
Messaggi: 135
Iscritto il: martedì 27 novembre 2018, 17:31
Località: Assisi (PG)

#17

Messaggio da leggere da Tiziano58 » sabato 8 giugno 2019, 17:45

Propongo, se l'operazione andrà a buon fine, di farci un articolo da pubblicare.
Uno Spot Welder può essere utile anche nell'autocostruzione HiFi... :D
Tiziano Peretti :D

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#18

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » sabato 8 giugno 2019, 19:09

Speriamo ! :)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

#19

Messaggio da leggere da andrea1972 » domenica 9 giugno 2019, 9:10

Pierluigi Marzullo ha scritto:
sabato 8 giugno 2019, 10:35
Sicuro ! :mrgreen:

Che trasformatore serve ?

:)
qui dice, per il modulo elettronico, questo:
''Il modulo di controllo spot welder è stato sviluppato per il fai-da-te o per semplici saldatori di batterie. Pricipalmente è usato per la singola saldatura della lamiera del gruppo della batteria o della batteria nichelata, quale la batteria al litio 18650 che nichela la lamiera di acciaio di 0.15 e di 0.2mm, il trasformatore da 500W può essere saldato direttamente. È inteso per saldare altri materiali della batteria e diversi spessori, come l'elettrodo della batteria polimerica senza nichelatura, deve essere combinato con un trasformatore di potenza sufficiente per la saldatura. Questo modulo include scheda principale e tabellone, opzionale 40A e 100A raddrizzatore di controllo bidirezionale in silicio (SCR), non include trasformatori di saldatura, penna di saldatura e altri strumenti di abbinamento.


dovrebbe essere sufficiente un trasformatore da 500watt, il modulo regolatore ha un range 40-100A.

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#20

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » domenica 9 giugno 2019, 12:56

Oltre alla corrente, occorre sapere il rapporto spire, o tensioni primario secondario

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

#21

Messaggio da leggere da andrea1972 » lunedì 10 giugno 2019, 8:19

Pierluigi Marzullo ha scritto:
domenica 9 giugno 2019, 12:56
Oltre alla corrente, occorre sapere il rapporto spire, o tensioni primario secondario

:)
non lo so Pierluigi, tieni presente che si vanno a saldare solamente strisce di nichel da 0,15-0,20mm, poca roba (qualcuno ha provato con solamente un condensatore da pochi microfarad), e che un micronde ha mediamente una potenza di 750-800 watt. tutti quelli che si sono cimentati sul tubo hanno fatto un paio di giri intorno al secondario con del cavo abbastanza grossetto. di più non so.
su youtube poca teoria, molta pratica :D

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#22

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » lunedì 10 giugno 2019, 9:36

Questo mi sembra abbastanza buono:

https://www.youtube.com/watch?v=6jBU0eEEK_8

Occhio durante lo smontaggio che il condensatore sia scarico :!:

La domanda principale è se una saldatrice non fa la stessa cosa :?:
(La tensione di uscita è meno di 2 V, la corrente di uscita probabilmente 500 A - per brevi peridi)

Note:
Gli elettrodi sembra che siano di bronzo ( può andar bene anche l'ottone o rame ? ) - ma forse si trovano anche dei ricambi per puntatici :?
Come mai non si attaccano anche quelli ?
Il regolatore PWM credo che faccia surriscaldare il trasformatore,
andrebbe usato qualcosa di più adatto.

Dai commenti:
davide patrone
Ottimo progetto, per aumentare la corrente erogata dal mot dovresti rimuovere le due placchette di ferro tra il primario e il secondario fatto da te, sono state messe li dal produttore per fissare la corrente di uscita ad un determinato valore e per non avere sbalzi strani di tensione o di corrente nel magnetron che non gli fa tanto piacere.
Le due placchette si chiamano shunt e servono per aumentare l'induttanza di dispersione e spiegando cosa vuol dire: serve per non chiudere molti campi elettromagnetici creati dal primario, aumentando così la resistenza interna al trasformatore, facendolo scaldare di più e diminuendone la corrente in uscita.

Per le batterie, bisogna trovare un buon progettino con i due elettrodi affiancati

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


marco-64
Messaggi: 3323
Iscritto il: mercoledì 22 agosto 2007, 14:05
Località: Parma
Italy

#23

Messaggio da leggere da marco-64 » lunedì 10 giugno 2019, 13:13

nelle saldatrici a punti da lattoniere/carpentiere/carroziere, gli elettrodi sono di rame,
ho usato delle saldatrici industriali gli elettrodi non si attaccano/saldano sul ferro/acciaio.
ciao
Marco
Immagine
"Non condivido la tua idea ma combatterò perchè tu la possa esprimere"
Voltaire

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

#24

Messaggio da leggere da andrea1972 » martedì 11 giugno 2019, 16:02

Tiziano58 ha scritto:
sabato 8 giugno 2019, 17:45
Propongo, se l'operazione andrà a buon fine, di farci un articolo da pubblicare.
Uno Spot Welder può essere utile anche nell'autocostruzione HiFi... :D

concordo, chi è malato di elettronica prima o poi qualche batteria l'avrà pure maneggiata

Avatar utente

Topic author
andrea1972
Messaggi: 441
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 11:12
Località: udine

#25

Messaggio da leggere da andrea1972 » martedì 11 giugno 2019, 16:12

Pierluigi Marzullo ha scritto:
lunedì 10 giugno 2019, 9:36
Questo mi sembra abbastanza buono:

https://www.youtube.com/watch?v=6jBU0eEEK_8

Occhio durante lo smontaggio che il condensatore sia scarico :!:

La domanda principale è se una saldatrice non fa la stessa cosa :?:
(La tensione di uscita è meno di 2 V, la corrente di uscita probabilmente 500 A - per brevi peridi)

Note:
Gli elettrodi sembra che siano di bronzo ( può andar bene anche l'ottone o rame ? ) - ma forse si trovano anche dei ricambi per puntatici :?
Come mai non si attaccano anche quelli ?
Il regolatore PWM credo che faccia surriscaldare il trasformatore,
andrebbe usato qualcosa di più adatto.

penso che tartaglia abbia usato ottone, o bronzo. ma son dettagli, per quello, ho già qualche idea di come assemblare i 2 puntali e dove reperire il materiale. anche il materiale per la costruzione dello chassis ho qualche idea.

la cosa più rognosa è: reperire il trasformatore, in discarica è vietato prelevare qualsiasi cosa, se mai avessi il deret.....di trovarne uno sarebbero uccelli acidi a portarlo via. in casa tengo sott'occhio un micronde vecchio di 15 anni e gli sto facendo qualche occhiata di sfida, ma poi dovrei comprarne uno nuovo :shock:
e secondo: l'elettronica che gestisce l'intensità dell'impulso e la sua durata, una volta schiacciato lo swicth.
questa la propone bangood a 23 euro, se ci dai un occhio al link postato te ne sarei grato, quello che ha usato tartaglia credo sia un semplice potenziometro e come hai evidenziato tu, tende a scaldare il tutto.


p.s. prima di sabato ci si vede da te?

Rispondi PrecedenteSuccessivo

Torna a “OFF TOPIC”